BI24_2010/20_IL MONDO VISTO DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Il Presidente del Ghana Akufo-Addo chiede una remissione del debito per l’Africa”

_Sandro Delmastro delle Vedove
Il 18 maggio, il presidente francese Emmanuel Macron ha ospitato a Parigi un vertice sull’economia africana. Questo è senza dubbio un argomento cruciale, in particolare dopo più di un anno di effetti devastanti che la pandemia di Covid-19 ha avuto sui paesi in via di sviluppo, sia direttamente, ma ancor di più indirettamente, attraverso le ripercussioni economiche dei lockdown sul settore più sviluppato. Purtroppo, la conclusione è stata deludente.
È stata presa la decisione di fornire al continente altri 33 miliardi di dollari di Diritti Speciali di Prelievo emessi dal Fondo Monetario Internazionale, di cui 24 per l’Africa sub-sahariana. Emmanuel Macron si è detto fiducioso che questa somma potrebbe essere portata ad almeno 100 miliardi di dollari, se altri paesi contribuissero con parte della loro quota, ma lo stesso FMI stima che l’Africa subirà in realtà un deficit di finanziamento di circa 290 miliardi di dollari entro il 2023. Il problema per l’Africa è stato presentato con forza dal presidente del Ghana Nana Akufo-Addo, che ha sottolineato come l’attuale architettura finanziaria globale si sia dimostrata “incapace di garantire la vita, la sussistenza e di stanziare risorse sufficienti a lungo termine per sostenere la trasformazione economica dell’Africa”.
E ora, anche a causa della pandemia, “il deficit fiscale totale dell’Africa è passato dal 4,7% del PIL nel 2019 all’8,7% nel 2020”. Allo stesso tempo, i livelli di debito complessivo “sono aumentati dal 57% del PIL nel 2019 al 70% nel 2021”. Per evitare che l’Africa diventi veramente “il continente dimenticato”, ha detto, “c’è urgente bisogno di una completa riduzione e cancellazione del debito”. Akufo-Addo ha sottolineato che entro il 2050, l’Africa sarà diventata la patria di un quarto della popolazione mondiale e più della metà della popolazione giovanile globale e che potrebbe diventare una potenza economica. Così, ha detto al vertice, è “nel nostro interesse collettivo creare le condizioni che permettano un tale sviluppo a beneficio di tutto il mondo”.
Nonostante l’appello del Ghana, durante il vertice di Parigi non si è discusso seriamente della cancellazione del debito. Il G20, che l’anno scorso aveva deciso di sospendere il rimborso del debito dei paesi più poveri a causa della pandemia, ha accettato di estendere la sospensione fino alla fine del 2021, ma questo copre solo una frazione molto piccola del debito totale. Una grande parte del problema è che tutti i calcoli sono fatti in termini monetari. La sfida è garantire lo sviluppo dell’economia fisica e quindi aumentare concretamente il livello di vita delle popolazioni. La ricchezza reale non si presenta sotto forma di denaro, il cui valore può fluttuare selvaggiamente, ma in termini di infrastrutture, agricoltura, istruzione e sanità.

I commenti sono chiusi.