BI24_2010/20_IL MONDO VISTO DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Stati Uniti ed Europa montano pretestuosamente il caso dello Xinjiang”

_Sandro Delmastro delle Vedove
Al ricevimento di fine Ramadan per i diplomatici stranieri a Pechino il 13 maggio, il presidente dell’Associazione islamica dello Xinjiang, Abdureqip Tomurniyaz, ha accusato le forze anti-cinesi negli Stati Uniti e in altre nazioni occidentali di diffondere voci e menzogne. “Si vuole sabotare l’armonia e la stabilità dello Xinjiang, fermare l’ascesa della Cina e alienare i rapporti tra questa e i paesi islamici”, ha detto. Più specificamente, ha accusato gli Stati Uniti di chiudere un occhio sulle proprie violazioni dei diritti umani, citando i conflitti in Iraq, Afghanistan e altri paesi musulmani, così come la discriminazione anti-musulmana in patria.
In realtà, l’Occidente critica le misure che Pechino ha adottato con successo per sradicare il terreno di coltura dell’estremismo e del terrorismo nello Xinjiang, migliorando i mezzi di sostentamento delle popolazioni locali e istituendo centri di formazione professionale e istruzione. L’accusa che la libertà di religione venga negata alla popolazione musulmana è stata ampiamente smentita da quasi tutti coloro che hanno visitato la provincia, dove si può circolare liberamente, e anche dai video del 13 maggio che mostrano uomini che pregano all’interno delle moschee e persone che ballano per la festività nelle piazze all’esterno. Ci sono circa 24.000 moschee nella provincia, ovvero più moschee pro capite rispetto a molti paesi a maggioranza musulmana.
Tuttavia, appena un giorno prima, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Germania avevano riunito un gruppo di “attivisti dei diritti umani” all’ONU per fomentare il conflitto sullo Xinjiang. Allo stesso tempo, il Segretario di Stato Anthony Blinken stava ribadendo la falsa affermazione secondo la quale il governo di Pechino sarebbe colpevole di “genocidio” nella provincia. Si tratta dello stesso Anthony Blinken che si è fatto in quattro per impedire al Consiglio di Sicurezza di condannare i bombardamenti israeliani su Gaza o di emettere un appello per un immediato cessate il fuoco. L’incapacità degli Stati Uniti di intervenire su Gaza scredita la presunta preoccupazione di Washington per i “diritti umani” nello Xinjiang e mostra alla comunità mondiale che le accuse sono semplicemente una manovra politica nel tentativo di minare la crescente influenza internazionale della Cina. Questo fatto è stato riconosciuto da un ex funzionario delle Nazioni Unite, Alfred de Zayas, egli stesso americano, che ha definito l’intera questione fasulla.
La lingua uigura è su tutti i cartelli stradali e persino il denaro è in lingua uigura, ha detto. Non c’è nessun tentativo di distruggere il loro patrimonio o la loro cultura. “Nessuno si preoccupa veramente dei diritti umani degli uiguri a Washington”, ha detto de Zayas all’agenzia di stampa Xinhua. “L’accusa è un’arma geopolitica, un utile kalashnikov nella guerra propagandistica”.

I commenti sono chiusi.