BI24_2010/20_IN POCHE PAROLE. Felice Vecchione: “Berlusconi e l’Ue: Usare l’arma della giustizia per “eliminare” un avversario politico è ignobile”

_Felice Antonio Vecchione
La Corte europea dei diritti dell’uomo interroga il nostro Paese dopo la condanna per frode fiscale di Silvio Berlusconi. Usare l’arma della giustizia per “eliminare” un avversario (nemico) politico è ignobile. Il Cavaliere fa bene a proseguire l’azione legale per un principio di rettitudine e perché sia da monito alla ‘giustizia giusta’ che in questi anni traballa.

I commenti sono chiusi.