BI24_2010/20_DAL CAPOLUOGO/1. ‘Fondone covid’, scontro Lega-Pd. Ferrari: “Se in commissione stanno zitti, poi non facciano polemica…”

Il Partito Democratico non capisce, o fa di proposito finta di non capire, con il fine di confezionare comunicati stampa il cui unico risultato è quello di fornire ai media materiale buono per disinformare i cittadini e non raccontare la verità dei fatti. Il gruppo Lega-Salvini Premier prende una posizione netta nei confronti del gruppo consiliare del PD di Biella a seguito della commissione riunita per discutere sul Fondone Covid. Al termine dell’incontro, via mezzo stampa, i consiglieri del Pd hanno dichiarato di essersi sentiti presi in giro: “Rispediamo questa frase al mittente – dice il consigliere Gianni Ferrari, vice presidente della Quinta commissione consiliare -, è offensivo che un gruppo consiliare dica di sentirsi preso in giro quando durante l’incontro non sono mai intervenuti, mentre gli altri gruppi, compresi altri consiglieri di minoranza, hanno fatto domande, osservazioni e proposte costruttive che per giunta sono state in più di una circostanza accolte. Se non capiscono di cosa si sta parlando non dicano agli altri che si sta perdendo tempo”.
Durante la riunione l’assessore al Bilancio Silvio Tosi ha fornito tutte le comunicazioni verbali del caso, relativamente alle varie minori entrate, alle minori e maggiori spese che si sono generate nel periodo di pandemia. Inoltre si sono analizzati i risparmi generati dalla rinegoziazione dei mutui. “L’assessore Tosi – prosegue il consigliere Gianni Ferrari -, ha spiegato a chiare lettere come è stata impiegata la parte rimanente del Fondone Covid, ma probabilmente il Pd in quei frangenti stava facendo un pisolino. L’assessore ci ha poi confortati spiegando che venerdì è atteso il giudizio dei revisori dei conti che approverà le spese sostenute dal Fondone e a quel punto con dati certificati alla mano sarà premura della giunta spiegare tutti i dettagli e la relazione di ogni singola spesa sostenuta”.
Il consigliere Ferrari conclude: “Si può discutere su ogni singola voce di spesa del Fondone Covid, ma rispediamo al mittente la frase “ci sentiamo presi in giro”, quello del Pd non è stato un incontro propositivo ma l’unico fine era solo quello di fare polemica. Non si è nemmeno voluto capire di ciò che si stava parlando o forse, e ciò è preoccupante, la forza attuale del PD di Biella è quella di non essere in grado di capire”.

I commenti sono chiusi.