BI24_2010/20_DALLA REGIONE PIEMONTE/1. Stazioni più sicure, grazie ai controlli speciali organizzati periodicamente dalla Polizia ferroviaria

Oltre ottocento persone controllate di cui 219 straniere e 51 minori, 96 operatori impiegati in 26 stazioni ferroviarie. Questi i risultati del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta nell’ambito della giornata di controlli organizzata a livello nazionale, su disposizione del Servizio Polizia Ferroviaria di Roma, per il contrasto dei comportamenti illeciti in ambito ferroviario, tra cui gli attraversamenti dei binari e l’indebita presenza in aree ferroviarie di servizio.
I controlli hanno interessato sia le stazioni ferroviarie con maggior flusso di utenti e traffico ferroviario sia le stazioni non presidiate, al fine di prevenire le condotte improprie, spesso causa di più gravi conseguenze per la persona. A Torino i servizi sono stati effettuati congiuntamente a due pattuglie del locale Reparto Prevenzione Crimine e alle Unità Cinofile della Questura, per una più efficace azione di prevenzione che ha interessato tutta l’area ferroviaria della stazione di Porta Nuova. Nella stazione di Porta Susa l’attività del personale Polfer unitamente alle Unità Cinofile ha garantito un più accurato controllo dei viaggiatori, anche dei convogli internazionali e dell’intero ambito di competenza.

I commenti sono chiusi.