BI24_2010/20_LA QUESTIONE/1. Discarica di amianto al Brianco. Ambiente e futuro: “Il Recovery piemontese chiede 2 milioni di euro per quel progetto…”

_Salussola Ambiente e Futuro
Due milioni di euro pubblici, chiesti dal recovery piemontese per la discarica di amianto… La sorpresa nell’uovo non poteva essere più amara. Ieri la Regione ha reso pubblici i 1200 progetti inseriti nell’elenco di opere da finanziare nell’ambito del Recovery Plan nazionale. Abbiamo visto con sconcerto che su proposta di Acqua e Sole srl, al capitolo M2 –“rivoluzione verde-transizione ecologica” è stata inserita la discarica di amianto del Brianco.
Al di là dell’ombra che si getta su un procedimento che non è ancora arrivato al termine (la discarica, privata, non è ancora stata autorizzata), una domanda sorge spontanea: davvero la regione intende far finanziare una società lombarda affinché realizzi in piemonte una discarica di amianto che non è al servizio dei piemontesi? Il documento sarà presentato a Draghi giovedì 8 aprile. Noi ci aspettiamo che per allora i rappresentati del territorio abbiamo messo i puntini sulle i.

I commenti sono chiusi.