BI24_2010/20_DALLA REGIONE PIEMONTE/1. Stecco, Cane e Preioni, Lega: “Dieci milioni di euro di investimenti per la medicina territoriale”

Con il voto di questo pomeriggio e il fondamentale contributo del gruppo Lega Salvini Piemonte, l’assemblea di Palazzo Lascaris ha approvato il disegno di legge 127 riguardante lo “Sviluppo delle forme associative della Medicina generale”. Il provvedimento, presentato per la giunta dall’assessore alla Sanità, il leghista Luigi Icardi, prevede di stanziare 10 milioni di euro per riconoscere all’assistenza primaria il ruolo cardine dell’assistenza territoriale per garantire la continuità delle cure, la presa in carico della cronicità e una migliore accessibilità alle prestazioni.
“Un risultato storico – commenta il professor Alessandro Stecco, consigliere del gruppo Lega Salvini Piemonte, presidente della commissione Sanità e relatore di maggioranza del provvedimento in aula –. In Piemonte con questa legge si favorisce e potenzia l’associazionismo in gruppo e in rete tra i medici, ormai bloccato da troppi anni: uno snodo cruciale per migliorare la presa in carico dei pazienti e potenziare le cure primarie”.
“Permettere ai medici sul territorio di lavorare in aggregazione – continua il professor Stecco – è strategico per la presa in carico del paziente, per condividere risorse, per avere personale infermieristico e amministrativo di supporto. Tutto questo comporta un miglioramento netto per il paziente che potrà beneficiare di orari più lunghi e flessibili, di una maggiore possibilità di prevenzione attraverso campagne di screening e a programmi di medicina di iniziativa oltre che a un percorso clinico più aderente alle terapie. I benefici sono pertanto evidenti, come nella gestione della cronicità e delle fragilità, così come sarà possibile evitare prestazioni di pronto soccorso o ospedalizzazioni inutili e tardive. Con questo fondamentale provvedimento si calcola una riduzione del 20% di accessi impropri al pronto soccorso: per fare un esempio, è prevedibile una riduzione del 6% dei ricoveri per asma, bronchiti croniche, scompensi cardiaci, diabete e ipertensione”.
“Abbiamo ereditato, all’inizio del mandato, una Sanità territoriale depauperata da anni di tagli – aggiunge il consigliere del gruppo Lega Salvini Piemonte Andrea Cane, vicepresidente della commissione Sanità – e il Covid ha fatto emergere in tutta la sua gravità le conseguenze della miope gestione precedente. Con questo progetto, invece, l’assistenza primaria torna sul territorio, potenziando le forme associative di gruppo e di rete della medicina generale. Si svolta anche sulla medicina in rete per i territori decentrati e meno popolosi, che avranno comunque i loro ambulatori per assicurare capillarità e continuità assistenziale. Ultima novità, non certo in ordine di importanza, questo progetto istituisce la figura dell’infermiere di comunità, primo anello della presa in carico del paziente e facilitatore del lavoro di medici e specialisti, che reputo di rilevanza strategica soprattutto per i vasti territori montani che compongono la nostra Regione”.
Sul Ddl 127 interviene anche il presidente del gruppo Lega Salvini Piemonte Alberto Preioni: “La dimostrazione che la Regione a trazione Lega continua a investire sulla buona Sanità, andando a potenziare quella medicina di territorio che è il primo baluardo della salute dei nostri concittadini, come la pandemia ci ha purtroppo insegnato. Una Sanità più vicina al paziente, più efficiente, più attenta ai suoi costi e che sappia fare rete tra i territori e le comunità: questo è il nostro obiettivo”.

I commenti sono chiusi.