BI24_2010/20_IN POCHE PAROLE. Felice Vecchione: “Speravano in un nuovo lockdown, per potersi arricchire ancora col covid…”

_Felice Antonio Vecchione
«Si auguravano un nuovo lockdown per potersi arricchire nuovamente sulla pandemia. E’ quanto emerge da una inquietante intercettazione pubblicata su Il Giornale: “Speriamo che a novembre esploda”, si legge in riferimento a una nuova chiusura totale del Paese. La Procura di Roma parla di cricca internazionale che avrebbe fatto “lucrosi affari” sull’epidemia di coronavirus». Premesso questo spetta a noi trarne le dovute considerazioni rispetto alle future chiusure “colorate”. Spero anche che le varie procure alzino il tiro per future indagini. Il nobile compito del giornalismo è quello di informare, scavare per fare emergere la “sacra” Verità sepolta sotto un mare di bugie.

I commenti sono chiusi.