BI24_2010/20_DAL CAPOLUOGO/2. Terremoto in Protezione civile: azzerate le cariche dei coordinatori che non andavano d’accordo

La Protezione civile di Biella, una delle eccellenze della città, in questi giorni è scossa da un vero e proprio terremoto. Dopo il pensionamento dell’ormai ex responsabile storico, Maurizio Lometti, i volontari del capoluogo da gennaio erano gestiti, oltre che dalla nuova responsabile Valeria Magnani, dai coordinatori Fabio Lesca e Maurizio Faccarello.
Proprio il difficile rapporto umano e professionale tra questi ultimi, ha spinto il sindaco Claudio Corradino, dopo settimane di dissapori e disagi, ad emettere nelle ultime ore una clamorosa ordinanza con cui sono state, in pratica, azzerate entrambe le loro cariche, quella del caposquadra e del suo vice.
Al posto di Lesca e Faccarello, adesso, c’è il dipendente comunale Marco Pichetto con un ruolo “ad interim”, ma quale futuro attende il gruppo dei volontari che, durante la quarantena covid hanno svolto un ruolo fondamentale? Innanzitutto, assicurano da palazzo Oropa, l’importante e quotidiano servizio della Protezione civile del capoluogo, non verrà né interrotto né ridimensionato.
Nei prossimi giorni, quindi, Corradino incontrerà i quadri per cercare di fare un punto della situazione, per comprendere quali siano stati i problemi di fondo che hanno portato a questi sconvolgimenti. E quali siano gli “umori” della… truppa. Poi, si dovrà tornare al voto per cercare di creare una nuova catena di comando che riporti, velocemente, calma e stabilità.

I commenti sono chiusi.