BI24_2010/20_LA QUESTIONE. Furia e Miravalle, Pd: “Solidarietà al popolo birmano, bisogna subito ristabilire la democrazia”

_Paolo Furia (Segretario Regionale PD Piemonte)
_Michele Miravalle (Responsabile Europa PD Piemonte)

Il golpe militare in Birmania/Myanmar è un attacco alla democrazia e ai diritti che nessuno dovrebbe sottovalutare. Il Partito Democratico del Piemonte si unisce alle associazioni umanitarie, ai sindacati, ai militanti del Partito nazionale per la Democrazia e al popolo birmano per chiedere: l’immediata liberazione di tutte le persone arrestate durante il golpe per avere difeso l’esito delle elezioni democratiche e i diritti civili e politici, del presidente della Repubblica Wyn Myint e del premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi; Il non riconoscimento della giunta militare insediata con il golpe e la promozione di ogni azione diplomatica per ripristinare il governo democraticamente eletto; Il blocco globale della vendita di armi verso la Birmania/Myanmar.
Il Partito Democratico del Piemonte ha chiesto ai suoi rappresentati al Parlamento europeo di promuovere una dura presa di posizione da parte delle Istituzioni europee e degli Stati membri. Le violazioni dei diritti sono ovunque insopportabili e intollerabili: non possiamo correre il rischio di essere assuefatti dalla violenza, dalla prevaricazione, considerando “normali” situazioni come quella birmana. La democrazia è un bene prezioso e fragile, che va difeso ovunque.

I commenti sono chiusi.