BI24_2010/20_LA QUESTIONE. Carcere: la Lega biellese chiede di parlare (chiaramente) dei problemi della Polizia Penitenziaria

A seguito di quanto è accaduto negli ultimi mesi all’interno del carcere di Biella, il gruppo consiliare Lega Salvini – Biella e la Lista Civica Corradino Sindaco hanno inviato una richiesta di convoca della V commissione consiliare del Comune di Biella al presidente della commissione stessa, Matteo Biassoli. Il motivo della sollecitazione è quello di poter discutere, ascoltare e soprattutto risolvere le varie problematiche che deve affrontare quotidianamente il personale di polizia penitenziaria.
“Dopo che alcuni agenti sono finiti all’ospedale a causa delle aggressioni di carcerati stranieri e dopo che – nonostante la Garante dei detenuti ci avesse rassicurato in consiglio comunale sul fatto che non ci fossero problemi in merito – sono stati rinvenuti diversi cellulari introdotti illegalmente nell’edificio, come Lega ci siamo subito attivati per audire i rappresentanti delle categorie sindacali della Polizia penitenziaria della Casa Circondariale di Biella. Gli agenti non godono di un Garante e per questo sarà la Lega a farsi portavoce delle loro istanze”, dichiara il capogruppo della Lega Alessio Ercoli.
Aggiunge il consigliere Gianni Ferrari: “È competenza del presidente convocare la commissione. Ho chiesto più volte a Biassoli di farlo, ne ho parlato anche con altri consiglieri del suo partito, ma non è mai stata convocata”. Ferrari è stato il promotore dell’iniziativa ed è uno dei firmatari della lettera di richiesta della convocazione, assieme agli altri consiglieri membri della V Commissione: Andrea Ferrero, Alessandro Vignola e Cristina Zen. “È un tema che ci sta a cuore – conclude Ferrari – e per questo ho deciso di intraprendere una strada diversa per poter arrivare alla convocazione. Abbiamo raccolto le firme di un terzo dei componenti, come prevede il regolamento comunale. Auspichiamo che a seguito di questa ulteriore richiesta, ora formale, si proceda celermente alla convocazione della commissione”.

I commenti sono chiusi.