BI24_2010/20_PUNTI DI… SVISTA. Felice Vecchione: “Il M5S aveva anche delle buone idee. Poi sono tornati il Pd ed i poteri forti…”

_Felice Antonio Vecchione
Il governo M5S-Lega è stato l’unico negli ultimi anni che ha provato, nel bene e nel male, a fare qualcosa di diverso ed autonomo. Il reddito di cittadinanza, quota 100, stop all’immigrazione, ecc.. avevano addirittura un programma concreto da portare avanti. Non che abbiano fatto granché, ma appena tornati PD e “poteri forti” sono le prime cose che sono state messe nel mirino, senza pensare di sostituirle con altro ma solo di ripristinare lo status precedente (status di semicommissariamento, imposto fra l’altro). Ormai il M5S ha perso tutta la sua spinta, ‘pidinizzandosi’ quasi del tutto, non ha più nulla da portare avanti (come il PD appunto).
Quindi può tranquillamente sostenere Draghi semplicemente perché cambia premier e ministri ma le linee direttive sono quelle degli ultimi 10 anni (esclusa appunto la breve parentesi M5S-Lega, che qualche entusiasmo lo aveva suscitato. Draghi e le migliori forze del paese suscitano poco entusiasmo e fiducia. Chissà perché. Forse perché li abbiamo già visti direttamente all’opera, l’ultima volta esattamente 10 anni con l’altro salvatore della patria Monti). Difficile ottenere qualcosa di diverso perseverando in quanto fatto negli ultimi anni.

I commenti sono chiusi.