BI24_2010/2020_PUNTI DI… SVISTA. Sandro Delmastro e Claudia Pieri: “Usa, brogli durante le elezioni: prove abbondanti, ma vengono censurate”

_Sandro Delmastro delle Vedove
_Claudia Pieri

Nel suo intervento, Harley Schlanger ha delineato il contesto dei brogli elettorali. Quando c’è un morto nel castello, non basta puntare il dito sul maggiordomo, ma occorrono indizi, un movente e la capacità di commettere il reato. Gli oppositori di Donald Trump avevano messo in atto una “congiura criminale da quattro anni”, cominciata col Russiagate. Avevano la possibilità di commettere i brogli, avendo bloccato un’iniziativa presidenziale nel 2017 che li avrebbe resi difficili e avevano anche il movente, in quanto rappresentano gli interessi finanziari dai quali la presidenza di Trump era considerata una minaccia esistenziale, nonché la capacità, attraverso il controllo del Partito Democratico, di gestire l’apparato elettorale nelle aree urbane degli stati in bilico.
Il democratico Bennie Smith, il senatore dello Stato Scavello e la scrutatrice Hoopes, che avevano partecipato alle udienze a Gettysburg, Pennsylvania, il 25 novembre, hanno gettato ulteriore luce sul modo in cui vengono commessi i brogli. Il Col. Richard Black ha descritto dettagliatamente i passi estremi che gli oppositori di Trump erano pronti a compiere, come evidenziato nell’ampia discussione da parte di ufficiali dell’esercito in congedo (tra cui l’ex Segretario della Difesa Gen. James Mattis e l’ex Segretario di Stato Gen. Colin Powell), sulla necessità di compiere un colpo di stato militare, qualora Trump non volesse lasciare l’incarico.
Il moderatore Jason Ross ha concluso l’evento dicendo: “Affinché [i cittadini] abbiano fiducia nel processo elettorale, possano fidarsi dell’esito di un’elezione ed accettarlo anche se non va come vogliono, occorre trasparenza. E abbiamo sentito, in così tanti modi, che quella trasparenza semplicemente non c’è stata, è stata resa impossibile e ciò ha creato il potenziale per i brogli”. Ross ha poi incoraggiato tutti a leggere i documenti per farsi un’idea personale, perché c’è una mole di prove che i media si guardano bene dal riportare.

I commenti sono chiusi.