BI24_2010/2020_DAL CAPOLUOGO. Biella: dopo il titolo di “Città creativa dell’Unesco”, ecco l’altrettanto inutile titolo di “Capitale delle Alpi”…

Dopo l’inutile titolo di “Città creativa dell’Unesco”, Biella colleziona un altro ‘premio’ che non serve assolutamente a nulla, se non a soddisfare l’ego della classe politica cittadina. Da ieri pomeriggio, infatti, il nostro capoluogo è diventato anche “Città Alpina” e capitale delle Alpi, titolo che negli anni scorsi era stato conquistato da altre città italiane quali Belluno, Trento, Sondrio, Lecco, Tolmezzo, Bressanone e Morbegno.
Cosa cambia, ora, per i Biellesi? Assolutamente nulla, perché come era accaduto già per il titolo di “Città creativa dell’Unesco”, si tratta di premi senza valore reale, che al massimo potranno portare qualche turista per le iniziative ‘culturali’ che si trascinano dietro, ma che come al solito, ai cittadini non regaleranno neanche un posto di lavoro “vero”.

I commenti sono chiusi.