BI24_2010/2020_CRONACA. Biella: ladro clandestino ruba in un appartamento di via Falletti, ma la Polizia lo trova e lo arresta in tempo record

Dalla provincia di Milano a Biella, per rubare in un appartamento e poi, dopo essere stato individuato e fermato dagli uomini della Squadra mobile della Questura di Biella, finire dentro ad una cella del carcere di via Dei tigli: è terminata così, la trasferta in terra laniera di un giovane uomo originario della Georgia, irregolare sul territorio italiano ma domiciliato nell’hinterland meneghino, che aveva raggiunto il capoluogo con l’intento di svaligiare alcuni alloggi.
Si tratta di un personaggio già noto in tutto il nord Italia, per questo tipo di reati, un vero e proprio “trasfertista” sempre in viaggio da una provincia all’altra, da un furto all’altro, ma l’altro giorno, nel Biellese, gli è andata decisamente male. Di prima mattina, ha “visitato” un appartamento di via Falletti, approfittando del fatto che i proprietari non erano in casa. Ha scassinato la porta blindata ed ha rubato soldi e gioielli in oro, cercando subito dopo di allontanarsi da Biella, ma l’allarme dato fulmineamente dalla coppia derubata, ha fatto scattare i controlli speciali della Polizia.
Ed all’occhio esperto ed addestrato del personale in servizio, poche decine di minuti dopo, non è sfuggita quell’auto, con quel giovane uomo alla guida, che stava viaggiando verso le autostrade. Per evitare tentativi di fuga, sono state utilizzate più pattuglie, che hanno affiancato la vettura e l’hanno costretta fermarsi. Subito dopo, lo straniero è stato caricato su di una Volante e portato in Questura per la perquisizione, che ha dato esito positivo.
A quel punto, ritrovata e riconsegnata ai legittimi proprietari la refurtiva e scoperti i corposi precedenti dell’uomo fermato, agli agenti non restava altro che avvertire dell’accaduto il Pm del Tribunale di Biella, dottoressa Sarah Cacciaguerra, che assumendo la direzione delle indagini ha subito disposto, per evitare la fuga del Georgiano, la sua traduzione nel carcere di via Dei tigli. L’uomo, è stato anche denunciato a piede libero per le patenti false che aveva con sé al momento del fermo e per il suo stato di clandestino.

I commenti sono chiusi.