BI24_2010/2020_DA “CITTA’STUDI”. Concluso il “Progetto affettività” per operatori del servizio Drop-In e rivolto agli Operatori e Tecnici delle produzioni alimentari

Si è concluso nel mese di ottobre a Città Studi Biella il Progetto affettività organizzato dagli operatori del servizio Drop-In e rivolto agli studenti dei corsi gratuiti di “Operatore della trasformazione agroalimentare” (2° – 3° anno) e di “Tecnico delle produzioni alimentari” (4° anno).
Il Drop-In di Biella è un servizio di riduzione del danno (Rdd) e limitazione dei rischi (Ldr) rivolto a persone che utilizzano sostanze psicoattive legali e illegali. Gestito dall’Azienda sanitaria locale di Biella e da Anteo Impresa Cooperativa Sociale è attivo sul nostro territorio dal 2002.
Durante i tre incontri, di due ore ciascuno per ogni classe, gli studenti coinvolti nell’iniziativa sono stati sollecitati dagli operatori Roberto Ramella, Andrea Taglier e Giulia Vidolin a ragionare sull’importanza che l’affettività riveste nella loro vita; è stato poi loro chiesto di analizzare in gruppo e individualmente le componenti proprie del concetto di affettività, quali, ad esempio: emozioni, umori e sentimenti, cercando di evidenziarne le caratteristiche e le peculiarità.
Partendo dal concetto di scelta, come espressione di assunzione di responsabilità e di consapevolezza, sono stati analizzati i tratti che delineano, condizionano e determinano le scelte che l’esistenza ci porta a compiere, cercando di evidenziare gli aspetti che ne determinano i confini come la percezione, i pregiudizi e gli stereotipi. Questi argomenti investono per loro natura anche la sfera sessuale, si è quindi cercato di intervenire sull’importanza di un approccio alla sessualità libero da costrizioni e condizionamenti errati.
Lo sviluppo della dimensione sessuale di ogni individuo va al di là dell’identità corporea del soggetto poiché coinvolge anche l’identità psicologica e sociale. A tal proposito, educare alla sessualità non vuol dire solo stimolare nell’adolescente una graduale presa di coscienza delle caratteristiche somatiche e fisiologiche proprie dei due sessi, ma soprattutto estendere tale consapevolezza agli aspetti psico-sociali che la sessualità coinvolge. Una parte del tempo a disposizione è stato dedicato anche alla prevenzione dalle malattie sessualmente trasmissibili più comuni e alla loro relazione con l’utilizzo di sostanze psicoattive che spesso, sono la causa dell’abbassamento della soglia dei livelli di attenzione, specie nei luoghi deputati al divertimento giovanile.
Argomenti così vasti richiedono molto tempo per essere sviscerati in profondità, si è cercato quindi, per quanto possibile, di suscitare l’interesse da parte degli studenti e far sì che fossero chiari alcuni concetti fondamentali, con la speranza che lo stimolo dato possa fare da molla per ulteriori approfondimenti. Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare Città Studi ai numeri 015 8551111, scrivere a formazione@cittastudi.org o consultare l’apposita pagina web sul sito http://www.cittastudi.org.

I commenti sono chiusi.