BI24_2010/2020_STAGE DI QUALITA’ 2020. Undicesima edizione del Progetto: pervenute complessivamente 176 candidature, per un totale di 394 profili

L’Assessorato alle Politiche Giovanili della Città di Biella, con la collaborazione di numerosi enti e associazioni datoriali, ha dato vita anche quest’anno, nonostante le difficoltà imposte dall’emergenza sanitaria, all’undicesima edizione del progetto “STAGE DI QUALITÀ”. Ricordiamo che il progetto offre a giovani con alta formazione l’opportunità di svolgere un tirocinio di sei mesi in aziende biellesi, con un riconoscimento economico minimo di 700 euro mensili. I numeri delle dieci passate edizioni dimostrano il costante successo del progetto: 1.570 candidature di ragazzi, 110 sono state le aziende coinvolte, 235 i tirocini attivati.
In questa questa nuova edizione i posti previsti in prima battuta erano 24, con opportunità che riguardavano vari settori: dall’amministrazione alla comunicazione, dalle risorse umane alle attività socio-educative, dall’informatica a varie specializzazioni dell’ingegneria.
L’Assessore alle Politiche Giovanili del Comune, Gabriella Bessone, sottolinea che: “Questo progetto rappresenta un modello efficace e collaudato di approccio tra il mondo dell’impresa e i giovani formati perché offre ai giovani l’occasione di arricchire in modo significativo le competenze e di farsi conoscere dalle imprese del territorio. Quest’anno, pur con i disagi dovuti all’emergenza COVID-19, il progetto si è rinnovato ed è molto articolato, ponendosi sia l’obiettivo di dare continuità alla formula sperimentata in passato, sia di contribuire al rilancio del Biellese sostenendo la tradizione manifatturiera e le aziende che intendono investire in termini di sostenibilità, innovazione, sperimentazione, creatività, tutti ingredienti indispensabili per la crescita del territorio. L’attuale sviluppo del progetto mira anche a favorire l’individuazione di profili di difficile reperimento. A tal scopo sono state istituite alcune specifiche borse destinate a progetti su aree innovative (profili emergenti): in questo caso sono stati ammessi giovani sia residenti nel Biellese che in altri territori e l’azienda ospitante riconoscerà al tirocinante un ulteriore bonus economico di 300 euro mensili qualora la distanza tra abitazione e sede di stage superi i 50 km”.
L’Informagiovani ha raccolto le adesioni da parte delle aziende interessate, principalmente attraverso le associazioni di categoria biellesi, in seguito ha divulgato l’avviso ai giovani, attraverso i propri canali (la scadenza era fissata a fine settembre). Sono pervenute complessivamente 176 candidature, ma alcuni giovani si sono proposti per diversi profili, per un totale di 394 candidature.
Questo il dettaglio: Area Commerciale e Comunicazione-Marketing (3 Posti) = 82 Candidature; Area Amministrativa-Finanziaria-Commerciale (9 Posti) = 214 Candidature; Area Risorse Umane (2 Posti) = 46 Candidature; Area Educativa – Sociale (2 Posti) = 4 Candidature; Profili Emergenti nell’area Tecnica (8 Posti) = 48 Candidature. A inizio ottobre la documentazione è stata trasmessa alle aziende e in queste settimane si stanno svolgendo i colloqui, alcuni in presenza, altri via skype. Molte hanno già individuato il candidato idoneo, altre sono ancora in fase di selezione. L’Informagiovani sta lavorando per facilitare l’avvio dei tirocini entro il mese di novembre, mettendo in contatto le aziende con le Università e i Politecnici o con il Centro per l’Impiego di Biella, che provvederanno a siglare i necessari accordi.
L’Assessore Bessone commenta: “L’auspicio è che gli stage possano regolarmente svolgersi, nonostante le numerose difficoltà che sono emerse a causa dell’emergenza sanitaria COVID-19, e che si possano effettuare completamente o almeno in parte in presenza, soprattutto nella fase iniziale dell’esperienza, momento in cui è molto importante conoscere l’azienda, il processo produttivo, l’interazione e le attività da svolgere in team, gli obiettivi progettuale e le dinamiche interne. Un ‘in bocca al lupo’ dunque ad aziende e tirocinanti”.
Promotore del progetto è il Comune di Biella, che lo cofinanzia e lo realizza attraverso l’Informagiovani, con il prezioso sostegno di Banca Simetica S.p.A. e il supporto delle associazioni datoriali del territorio, del Centro per l’Impiego di Biella e di Città Studi Biella.

I commenti sono chiusi.