BI24_2010/2020_GAL MONTAGNE BIELLESI. Due progetti finanziati con l’operazione 16.3.1 per processi di lavoro in comune e servizi di turismo rurale

Saranno due i gruppi di cooperazione che, alla fine di un lungo periodo di animazione, che in certa misura ha attraversato anche il lockdown da Covid, daranno vita ad altrettanti progetti di sviluppo turistico locale di incoming turistico, legati ciascuno a specifiche peculiarità. Il cda del Gal Montagne Biellesi ha infatti ratificato la graduatoria che premia i gruppi costituiti da Viaggi e Miraggi e da Kibo Viaggi nell’operazione 16.3.1. “Organizzazione di processi di lavoro in comune e servizi di turismo rurale”.
“Il Gal ha immaginato uno sviluppo dell’ambito turistico che è partito già alcuni anni fa con il bando di creazione d’impresa a cui si è accodato quello di sviluppo di reti territoriali turistiche” spiega il direttore Michele Colombo, che aggiunge: “Ciò che mancava era uno strumento, messo a bando e quindi finanziato, che potesse portare il sistema turistico biellese, che ha deciso di collaborare ed aggregarsi in rete, ad un livello superiore. Aiutare la promozione e lo sviluppo di “reti di reti” era il nostro sogno iniziale ed oggi, anche se questo risultato non può essere un punto di arrivo, abbiamo avuto la possibilità di sperimentare questo percorso come primo Gal tra quelli piemontesi, dopo aver avviato importanti progetti tra cui quello sul turismo accessibile. Il risultato non era scontato, ma in realtà i gruppi di cooperazione che includevano per bando almeno un tour operator, hanno saputo aggregare molti soggetti legati al turismo dell’area Gal, dalle strutture ricettive ai servizi turistici. Ed oggi possiamo con orgoglio annunciare che siamo riusciti a finanziare due distinte visioni progettuali, ma entrambe di assoluto interesse”.
Il primo progetto, che prende il nome di “Biella da Vivere”, con capofila Viaggi e Miraggi, ha come obiettivo la costruzione di pacchetti turistici legati a tre temi ben identificati: il turismo outdoor, con numeri in forte crescita in Europa; il turismo culturale ed enogastronomico; il turismo accessibile. Per ogni tematica, il progetto che prende il nome di “Biella da Vivere” coinvolge luoghi e reti interessanti, dal cammino di Oropa a Slow Food Travel. Il progetto ha coinvolto la rete PIRT H2Elvo (progetto integrato di rete territoriale) già finanziata dal Gal e i suoi partecipanti, ma anche la filiera PIF (progetto integrato di filiera) agroalimentare TeriTori.
Fanno parte del gruppo di cooperazione di questo progetto, oltre a Viaggi e Miraggi, tour operator con esperienza in ambito nazionale ed internazionale, già attivo da 10 anni nel territorio biellese: Aloha Viaggi tour operator impegnato da anni nel biellese con il brand “Biella da vivere”, Skouty operatore di servizi turistici impegnato nell’outdoor, B&B la Coccinella, Birrificio Elvo, Cascina Montefino, i Segreti delle erbe, Apicoltura Laperitiva, Ristorante da Armando, Antica Cascina del Medico.
Il secondo progetto finanziato è stato presentato invece dal capofila Kibo Viaggi e pensato con la logica di seguire i filoni identificati anche a livello regionale per la promozione dell’offerta turistica piemontese che indicano le attività outdoor come elemento trainante. E’ nato così il progetto RBC (Running Biellese Challenge), che si propone di utilizzare l’attività sportiva, e nello specifico il podismo, come elemento distintivo del territorio e capace di generare flussi turistici positivi. Il progetto ha una proiezione triennale, dal 2021-2024. L’obiettivo è la creazione di un circuito di 4/5 gare annuali –sul territorio, intorno alle quali costruire attività collaterali capaci di attrarre appassionati di podismo e turisti di prossimità, nazionali e internazionali. Alternativamente, la valorizzazione di un evento principale identificativo del territorio che raggiunga alta visibilità nazionale e sia da volano per la creazione di soggiorni tematici “running camp” con ciclicità annuale.
Al gruppo di cooperazione di Kibo partecipano: Aigo, l’associazione di B&B che comprende 42 strutture in 18 comuni del Biellese, fornendo una capacità ricettiva di 94 camere e 209 posti letti, con un rating medio su Booking di 9.4 /10 e di 4.7/5 su Airbnb. L’autonoleggio Del Bravo, che fornisce servizio di noleggio con conducente, operando stabilmente da 2002 sul territorio biellese, e che si occuperà della gestione della rete di trasporti necessaria alla creazione dei pacchetti; il Gruppo Amici della Corsa/Biella sport Promotion, che organizza eventi di podismo sul territorio biellese dal 1992.
I due progetti sono stati finanziati all’80% per un importo massimo di 60.000 euro di finanziamento l’uno e per un importo ammesso di investimento pari a 75.000 euro ciascuno. Conclude il presidente del Gal Emanuele Ramella Pralungo: “Sono 120.000 euro che il Gal Montagne Biellesi destina a due progetti che includono un fortissimo coinvolgimento territoriale in ambito turistico. Da molti anni parliamo di turismo locale, osserviamo i numeri che i riportano i flussi turistici sul nostro territorio, sappiamo che siamo un’area del Piemonte molto apprezzata da chi la scopre, ma purtroppo, troppe volte, ancora per caso. Con la misura 16.3.1. abbiamo avuto la possibilità di andare oltre alla creazione di reti turistiche formate da operatori che, di volta in volta, hanno utilizzato i fondi Gal per migliorare le proprie strutture e far crescere la propria impresa collaborando con altre realtà. In questo caso, dopo aver creduto a ragione in progetti che tuttora stiamo sviluppando sul turismo sostenibile e la montagna per tutti, a progetti di cooperazione internazionale in ambito turistico e ai PIRT turistici, abbiamo avuto la possibilità di misurare il grado di maturità e di sviluppo del nostro territorio. E non siamo stati delusi. Perché il lavoro che è stato fatto per presentare le candidature è stato assolutamente di primo livello e sono certo che i due gruppi di cooperazione finanziati, ora trasformeranno la progettualità in una concreta occasione di sviluppo turistico locale”.

I commenti sono chiusi.