BI24_2010/2020_LA QUESTIONE/1. Ferrari, Lega: “Carcere: finalmente chi porta o detiene un cellulare, da oggi rischia una condanna”

_Gianni Ferrari (Consigliere comunale Lega Salvini Biella)
Apprendo con soddisfazione che ieri il governo, dopo mesi di silenzio ed indifferenza, ha finalmente deciso di ascoltare le proposte della Lega a riguardo della situazione delle carceri italiane: da oggi, provare ad introdurre un cellulare dentro a un carcere è un vero e proprio reato ed è prevista una pena da 1 a 4 anni per chi introduce o detiene telefoni cellulari o dispositivi mobili di comunicazione all’interno di un istituto penitenziario.
Non è concepibile che gli agenti penitenziari, nello svolgere il loro lavoro, siano tenuti sotto scacco da parte di alcuni detenuti e non siano assolutamente tutelati da parte di chi dovrebbe farlo. Dobbiamo ricordare che i detenuti sono tali per aver commesso dei reati, sono detenuti dopo essere stati condannati da un regolare processo. È tempo di finirla! Il carcere non è un Hotel! Le condanne vanno scontate! Come gia segnalato lo scorso 16 settembre, anche a Biella siamo in presenza di una situazione problematica: agenti che vengono aggrediti, telefonini che circolano all’interno della struttura carceraria, detenuti pericolosi che dovrebbero essere trasferiti subito e invece il trasferimento – quando avviene – arriva con grave ritardo…
Avevo preannunciato che il gruppo consigliare Lega – Salvini Biella, avrebbe chiesto al presidente della commissione sicurezza di convocare la commissione stessa, avevamo chiesto al presidente di invitare i rappresentanti delle associazioni sindacali delle guardie carcerarie per cercare delle soluzioni necessarie a migliorare la situazione attuale. La cosa è stata fatta più volte, ma non capisco la reticenza da parte del presidente della commissione. A distanza di più di un mese la commissione non è ancora stata convocata ed abbiamo avuto solo promesse.
Nel confermare solidarietà a tutti i poliziotti e operatori carcerari, il sottoscritto ed il gruppo consigliare Lega – Salvini Biella non si sottrarranno all’impegno preso e continueranno a richiedere la convoca della commissione sicurezza per ascoltare gli interessati e trovare delle soluzioni concrete, come avvenuto nel caso citato su scala nazionale.

I commenti sono chiusi.