BIELLA24_BIELLA: IL CASO. A 80 anni si frattura un piede in via Gustavo di Valdengo a causa di un buca. Ma l’assicurazione non paga

biella-via-gustavo-valdengo-biella24

(Ros) In questi giorni dettati dai ritmi del “Coronavirus”, sembra quasi un caso di importanza secondaria. Ed invece non è così. Si tratta di una vera e propria ingiustizia perpetrata nei confronti di una donna di 80 anni, che a causa di una delle tante buche che si creano… magicamente sulle strade del Capoluogo, è finita all’ospedale ed ha perfino perso i suoi occhiali da vista.
Il fatto risale a circa un anno fa ed è il compagno della vittima a riviverlo per “Biella24”: “Quel giorno stava camminando lungo via Italia, poi ha svoltato in via Gustavo di Valdengo, dove ci sono i cubetti di porfido. Non si tratta di una donna giovane e ad un certo punto è inciampata in una delle buche presenti nella strada, fratturandosi un piede e rompendosi gli occhiali nella caduta…”.
Una storia di ordinaria… normalità, nella città che dovrebbe essere (solo per l’Unesco…) “creativa”. L’anziana viene soccorsa e portata all’ospedale. Viene ingessata e poi costretta a portare un tutore. Ovviamente, si reca all’Economato del Comune di Biella per denunciare quello che le è accaduto, chiedendo di essere risarcita. Passa un anno ed invece di ottenere giustizia, questa donna riceve la risposta, vergognosa, dell’istituto assicurativo scelto da palazzo Oropa per sistemare questo genere di… contrattempi.
“In pratica – conclude il compagno – le hanno detto che non avrà risarcimenti perché… bastava che aggirasse l’ostacolo, che passasse attorno alla buca. Ma si può rispondere così ad una donna di 80 anni? Si può trattare così una donna anziana? Alla fine, non le daranno neanche i soldi che ha speso per farsi aggiustare gli occhiali… Spero che leggendo questo articolo, il sindaco Corradino farà qualcosa per ovviare a questa ingiustizia assurda”.

I commenti sono chiusi.