BI24_FLASH_IL VIAGGIO/1. Il Presidente di Confartigianato Gatti, unico italiano invitato alla conferenza mondiale cinese sul tessile

gatti in cina 001

(c.s.) Il presidente di Confartigianato Biella Cristiano Gatti ha avuto l’onore di essere l’unico italiano invitare a partecipare alla conferenza, voluta dal Consiglio nazionale cinese per i tessile e l’abbigliamento (CNTAC) e organizzata dal sottocomitato dell’industria tessile, CCPIT (CCPIT TEX), ha visto la partecipazione di circa 100 ospiti esponenti di spicco del mondo imprenditoriale, economico e culturale, tra cui il nostro presidente, provenienti da oltre 24 paesi ( Asia, Cambogia, Laos, Myanmar, Tailandia, Vietnam, Malesia, Bangladesh, Corea del Sud, Singapore, Uzbekistan, Pakistan, Europa, Francia, Italia, Romania, Bulgaria, Moldavia, Grecia, Ucraina, Madagascar, Tanzania, Tunisia, Etiopia e Togo, Gibuti), oltre a più di 600 persone tra funzionari, rappresentanti di associazioni, politici, rappresentanti dei media, esperti, studiosi e funzionari di ambasciata; tutti presenti per discutere sullo sviluppo di questo ambizioso progetto.
La BELT AND ROAD è un programma infrastrutturale che punta a sviluppare la connettività e la collaborazione tra la Cina e 70 Paesi, creando uno spazio economico eurasiatico integrato. Un progetto che, attraverso sei corridoi di trasporto, via terra e via mare, consentirà al Paese di diversificare le rotte commerciali e di intensificare le relazioni esistenti con l’UE. Nel triennio 2014-2017 per la Nuova Via della Seta la Cina ha già investito 70 miliardi di dollari in 1.400 progetti, per la generazione elettrica e la costruzione di ferrovie, porti, strade e parchi industriali. L’iniziativa, per cui sono in programma ulteriori investimenti per 130 miliardi di dollari all’anno fino al 2022, rappresenta un’opportunità anche per le aziende italiane.
Per condurre una strategia nazionale organica di sostegno alle imprese e identificare precise linee d’azione è stata costituita una Task Force sulla BRI. Dal 2013, la Belt and Road Inziative (BRI) ha compiuto progressi significativi arrivando ad offrire nuove e straordinarie opportunità ai settori del tessile e dell’abbigliamento cinese ed internazionale. La conferenza biennale, che gode di un’alta reputazione internazionale, si è posta come obbiettivo quello di rafforzare ulteriormente i rapporti della Cina con i paesi coinvolti nel progetto, che entro 2019 attirerà circa 400 leader, imprenditori di grandi aziende, dipartimenti governativi, oltre che una profonda cooperazione tra imprese cinesi e straniere.

I commenti sono chiusi.