BI24_FLASH_DA “CITTA’STUDI”/2. “La sedia di Lulù”: esperienze di Pet Therapy e supporto alla persona con la ‘Domus Laetitiae’

biella-città-studi-nuova-biella24

_NOTIZIE DA “CITTA’STUDI”:
La forza di un legame prezioso e straordinario tra un cane e la sua padrona disabile, un inno alla vita e al bene. È il tema centrale del libro “La sedia di Lulù” di Marina Casciani e Alessandra Santandrea che verrà presentato giovedì 21 novembre, durante la serata organizzata da Città Studi Bielle e la Cooperativa Sociale Domus Laetitiae. Alessandra Santandrea, accompagnata dalla sua fedele Lulù, racconterà la sua esperienza di rinascita – dopo un incidente stradale – grazie al suo cane da supporto. Con la vicinanza di Lulù, Alessandra riesce a superare ostacoli e barriere, pregiudizi e silenzi, paure e senso di solitudine. Tanto da essere la prima ragazza diversamente abile a svolgere gare di obedience a livello agonistico in Italia.
Oggi Alessandra è Vice Presidente dell’Associazione Chiaramilla, dove lavora come istruttore cinofilo e collabora a progetti di Pet Therapy. “Mai, però, avrei creduto potesse esistere una forma d’amore – racconta Alessandra – in qualche modo diversa dalle altre, ma così potente, incontaminata e preziosa, della quale oggi so che non potrei più fare a meno. Colpa o meno della mia disabilità averla incontrata. Lei si chiama Lulù”.
Durante l’incontro, Marina Casciani presenterà l’Associazione Chiaramilla di Santa Maria Codifiume (Fe). ChiaraMilla è un’Associazione di promozione sociale e sportivo dilettantistica nata allo scopo di far conoscere e diffondere le Tecniche di Terapie ed Attività Assistite dall’Animale (Pet Therapy) che intervengono a migliorare il benessere di persone costrette a vivere disagi di vario genere.
Introduce e modera la serata Prof. Marco Cattaneo, psichiatra docente universitario presso la sede di Città Studi Biella, il quale affronterà il tema degli Interventi assistiti con gli animali. Queste attività sono cure non farmacologiche con l’impiego di animali da compagnia a beneficio dell’essere umano che vive in una condizione di disagio di vario genere. Oltre ad essere portatore di numerosi effetti benefici all’uomo, come diversi studi hanno dimostrato, la Pet Therapy va ad intervenire nella sfera del disagio, ed ha come obiettivo principale il miglioramento della qualità della vita. Da qui il concetto di “cura non farmacologica”.
Interverrà inoltre Paolo Roncati, operatore di Pet Therapy alla Domus Laetitiae di Sagliano Micca (BI), che illustrerà alcune esperienze. L’incontro, ad ingresso libero, si terrà nell’auditorium di Città Studi alle ore 20.45. Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare la Biblioteca di Città Studi Biella, in Corso G. Pella 2b, telefonando al numero 015 8551107, scrivendo all’indirizzo email: biblioteca@cittastudi.org.
Alessandra Santandrea (1974) dal settembre 2002 è paraplegica a causa di un incidente stradale. È istruttore cinofilo e mediatore relazionale in attività assistita da animali (Pet Therapy) per l’associazione ChiaraMilla ed è la prima ragazza disabile in Italia a svolgere gare di obedience a livello agonistico in classe II. Vive a Massa Lombarda (RA) col marito Mauro. Nel libro La sedia di Lulù affida alla scrittura di Marina Casciani il racconto della sua vita cambiata drammaticamente da quel tragico incidente, fino all’incontro con Lulù, il suo cane da supporto fedele e inseparabile.
Marina Casciani (1977), laureata in Scienze dell’educazione presso l’Università degli Studi di Firenze, è cofondatrice dell’associazione di promozione sociale sportivo dilettantistica ChiaraMilla. L’associazione, che ha sede a Santa Maria Codifiume (FE), opera nel settore delle attività e terapie assistite da animali (Pet e Dog Therapy) al fine di migliorare la qualità della vita di persone costrette a vivere disagi di vario genere attraverso la relazione con animali educati e formati per divenire coterapeuti. Nel giro di pochi anni è notevolmente cresciuto il numero degli associati e dei professionisti che ne compongono l’équipe di lavoro. Uno dei progetti in cantiere è rivolto a malati psichiatrici e anziani malati di Alzheimer. Per informazioni www.chiaramilla.it.

I commenti sono chiusi.