BI24_FLASH_GAL MONTAGNE BIELLESI. Fondi europei: accordo con Anci, per aiutare i piccoli enti locali ad ottenerli

gal-cena-milano-biella24-001

(c.s.) Nei giorni scorsi, il Consiglio di Amministrazione del Gal Montagne Biellesi ha sancito ufficialmente un accordo di collaborazione con Anci Piemonte finalizzato ad una stretta collaborazione nella ricerca di opportunità di finanziamento e gestione delle stesse a favore del territorio. Un accordo che costituisce la base per molteplici nuove opportunità. In questa fase storica che vede una ristrutturazione ancora in parte confusa della governance amministrativa, nonché una carenza di risorse verso i territori, ed in particolari quelli montani, l’unica strada percorribile risulta essere quella di attrezzarsi per ricercare nuove risorse e cogliere le molte opportunità di finanziamento che a livello nazionale e sovranazionale esistono senza che sovente i nostri territori ne abbiano accesso.
“Nella propria esperienza ormai decennale sul territorio montano biellese il Gal ha gestito molte pratiche afferenti ai Fondi Leader tramite il Feasr e riteniamo, in questo ambito, di avere ormai una consolidata esperienza – spiega il Direttore Tecnico del Gal Michele Colombo – ; ciò che ci manca, e che con questo accordo abbiamo la possibilità di aggiungere alla nostra offerta, è un supporto tecnico di qualità ed esperienza che ci consenta di affrontare quelle tipologie di finanziamento che vanno oltre la scala locale, coordinando l’azione di più soggetti territoriali, magari cooperando con altre realtà a livello regionale e nazionale. In Anci Piemonte abbiamo trovato un interlocutore qualificato e disponibile a condividere con noi la propria esperienza: starà ora al nostro territorio raccogliere la sfida ed essere capace di reagire con efficienza alle opportunità che nasceranno. E’ una sfida che siamo ben contenti di affrontare e che grazie al lavoro di tutti pensiamo possa essere vinta”.
Aggiunge Emanuele Ramella Pralungo, Presidente del GAL Montagne Biellesi e neoconfermato Vice Presidente Anci Piemonte: “Per il GAL Montagne Biellesi questa azione è un evidente salto di qualità a favore del territorio. Un nuovo approccio che abbiamo ritenuto fosse importante sperimentare anche per consolidare ulteriormente il ruolo strumentale nella gestione di risorse europee, a favore di enti pubblici e privati, che il GAL in questi anni ritengo si sia guadagnato sul campo. La buona riuscita di questa operazione dipenderà molto dall’approccio, ovvero se si riuscirà a mettere a sistema l’ottimo livello di collaborazione già oggi presente tra le compagini pubbliche e private socie del GAL, coinvolgendo poi di volta in volta i diversi soggetti potenzialmente interessati dai singoli finanziamenti”.
Nel dettaglio, l’accordo di programma, inizialmente di tre anni ma rinnovabile, prevede che le parti si impegnano a mettere a fattor comune le proprie competenze, le informazioni di cui dispongono e a coinvolgere attivamente le persone, a partire dagli amministratori e funzionari degli enti associati ad Anci Piemonte, al fine di costituire reti di partenariato eleggibili ai bandi europei per i fondi a gestione diretta. Non solo. Anci e Gal condividono l’obiettivo di realizzare congiuntamente progetti e azioni che possano creare positivo impatto socio-economico su scala locale e supportare la rete dei comuni piemontesi nell’individuazione e applicazione di processi innovativi.
La finalità principale rimarrà la ricerca di opportunità e strumenti che possano essere utili per il miglioramento della qualità dei servizi offerti ai cittadini e alle imprese dagli enti locali, con particolare attenzione agli enti di minori dimensioni demografiche e territoriali, che necessitano di specifici percorsi di accompagnamento e di potenziamento delle proprie competenze.

I commenti sono chiusi.