BI24_FLASH_IL SUB SCOMPARSO. Lago D’Orta: recuperato da un robot a 100 metri di profondità, il corpo senza vita di Ottobrelli

guido ottobrelli

Dopo oltre una settimana di incessanti ricerche, gli uomini del Nucleo sommozzatori del Vigili del Fuoco di Trento, con l’utilizzo di uno speciale robot, sono riusciti ad individuare il corpo senza vita di Guido Ottobrelli, il sub cossatese di 63 anni, immersosi nelle acque del lago D’Orta giovedì scorso e mai più riemerso. Il cadavere, che si trovava a circa 100 metri di distanza, è stato quindi recuperato non senza qualche difficoltà: i sommozzatori hanno dovuto utilizzare un apposito natante telecomandato per farlo risalire fino a 50 metri, per poterlo poi recuperare di persona. Il corpo di Ottobrelli, è stato quindi riconsegnato alla famiglia.

I commenti sono chiusi.