BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA/1. Orcelletto, Casula, Girardi: “Greta diserta la scuola, ma per i ‘media’ è un esempio per tutti”

greta-thunberg

_Attilio Orcelletto, Piero Casula, Paolo Girardi
L’immancabile Greta Thunberg ha deciso di non andare più a scuola! Pare sia ‘troppo impegnata’ a… salvare il pianeta, l’ambiente e la natura dai delinquenti cattivoni che vogliono inquinare e distruggere tutto! In un mondo normale la mamma della sedicenne che ha conquistato l’opinione pubblica mondiale, sentite le sue parole e le sue incredibili intenzioni, le avrebbe certamente rifilato un forte scappellotto e l’avrebbe mandata a fare … il suo dovere!
Nel mondo imbecille in cui viviamo oggi, al contrario, questa bambina con le trecce (vittima proprio dei suoi genitori e soprattutto del ‘business’ che si è creato intorno a lei e che le sta letteralmente ‘scippando’ la gioventu’), viene esaltata dai giornali di tutto il mondo come se fosse una ‘santa’, una supereroina, un esempio per tutti i bambini del pianeta. Non solo, Greta viene ricevuta da re e Capi di Stato, dal Papa e dagli altri ‘leaders’ religiosi. Ma quale messaggio sta passando per i nostri figli? Che senso ha abbandonare gli studi per ‘salvare il mondo’? Le utopie dell’ormai lontano 1968 non ci hanno insegnato proprio nulla?
Non ci ricordiamo più quante illusioni e quanti sogni infranti, quanta desolazione ha lasciato quella stagione nella vita e negli animi di molti? Sembra di vivere un vero e proprio incubo, nel quale gli Stati, le istituzioni, i ‘leaders’ (anche religiosi), al posto di indicare la retta via, credono (o forse fingono di credere!) alle favole e le propinano ai loro ingenui cittadini ed ai loro fedeli. Ma attenzione, la Storia insegna e ricorda che quando le favole iniziano così, il risveglio non è mai indolore…!

I commenti sono chiusi.