BI24_FLASH_IL CASO. Ternengo: mozione “anti Bibbiano” dell’opposizione, ma la maggioranza clamorosamente la boccia…

parlateci di bibbiano

_Livia Caldesi, Rita Daniela Veronese
La maggioranza consiliare di Ternengo nello svolgimento dell’ultimo Consiglio Comunale ha bocciato la mozione: “ Iniziative a favore dei minori dati in affido per scongiurare illeciti di diversa natura “ presentata dal gruppo di minoranza Libertà e trasparenza. Questa mozione, alla luce dei raccapriccianti fatti emersi dalle indagini condotte sugli affidi in Val d’Elsa, voleva sensibilizzare e fare riflettere su di un tema particolarmente delicato e importante: quello degli affidi. Delicato e importante perché si tratta di bambini.
Tutto si deve fare, di fronte a un tema come questo, fuorché strumentalizzarlo politicamente. Fratelli d’Italia infatti non ha mai strumentalizzato lo scandalo di Bibbiano, al contrario di altri movimenti politici, tanto meno attraverso il documento presentato in Comune, e la maggioranza lo sa benissimo. É sufficiente leggerlo. Altrettanto non si può dire, purtroppo, della maggioranza del Comune di Ternengo che si è strumentalmente trincerata dietro due frasi che non condivideva per non votare questa mozione.
Questo è semplicemente ridicolo! Sarebbe bastato chiedere ai presentatori della mozione di stralciare queste due frasi, che per altro nulla aggiungevano allo spirito del documento. E allora perché non farlo? Semplicemente per non votare una mozione presentata dall’opposizione, se pur condivisibile. Vergogna!
Neppure di fronte a fatti così gravi, neppure di fronte a un documento dove si chiede solamente, in sostanza, di porre più attenzione affinché non accadano episodi del genere, la maggioranza palesa la sua pervicace “opposizione” nei confronti dei suoi avversari politici. E non vota la mozione che ha per titolo “iniziative a favore dei minori dati in affido per scongiurare illeciti di diversa natura”.
Potete andarne fieri!

I commenti sono chiusi.