BI24_FLASH_BIELLESESSERE. Super Fascino: far “ricrescere” i capelli senza la chirurgia? Ecco la “tricopigmentazione”

Dopo Trico laterale

La tricopigmentazione è una metodologia di micropigmentazione specifica per il cuoio capelluto in grado, attraverso il deposito di specifici pigmenti nella cute, di riprodurre la presenza realistica del capello. La tricopigmentazione risponde all’esigenza di risolvere i problemi di calvizie ricreando la presenza di capelli in modo molto realistico, ma allo stesso tempo eliminando gli svantaggi delle altre soluzioni più utilizzate quali: cosmetici per camouflage, fibre di cheratina, effetti collaterali, terapie farmacologiche, protesi, ecc.
Si tratta di una delle metodologie più innovative e recenti, in grado di risolvere ansie e frustrazioni derivanti da situazioni di calvizie e diradamenti. Può essere alternativa o complementare ad altre soluzioni, infatti non ha nessuna controindicazioni qualora chi ha effettuato tricopigmentazione si sottoponesse a trapianto di capelli, terapie farmacologiche, cosmetici di camouflage quali Toppik. Utilizzare la tricopigmentazione in sinergia con altri trattamenti e soluzioni può essere una scelta vincente e dipende dalla propria personale situazione. Sta infatti al proprio consulente tricopigmentista informare e orientare il cliente sui vantaggi che si possono utilizzando più strumenti per combattere al meglio i problemi di calvizie.
Questa metodologia non va confusa con un comune tatuaggio del corpo, né va eseguita da un tatuatore tradizionale. Le differenze tra le due tecniche sono infatti radicali: la tricopigmentazione semipermanente introduce appositi pigmenti riassorbibili e reversibili; la metodologia è specifica e diversa da quella di esecuzione di un tatuaggio; i pigmenti vengono introdotti in uno strato superficiale del derma a differenza del tatuaggio classico che li deposita più in profondità; la strumentazione è completamente differente e studiata per lavorare sul cuoio capelluto.

Trico Donna prima
_UNA SOLUZIONE, TRE EFFETTI DIVERSI
La tricopigmentazione utilizza 3 tecniche differenti a seconda del tipo di correzione da effettuare ed effetto da ottenere: effetto capello rasato, effetto densità, copertura delle cicatrici.
_EFFETTO RASATO
I capelli rasati sono una scelta frequente di molti uomini per alcune ragioni: sono facili da mantenere e rispecchiano una moda attuale. Il capello rasato è pratico, elimina i costi del parrucchiere e migliora l’aspetto del capo in presenza di calvizie e diradamenti marcati.
Attraverso la tricopigmentazione è possibile riprodurre un effetto di capello rasato quasi indistinguibile dal resto dei capelli, anche osservando la cute da vicino. E’ l’ideale per chi porta i capelli rasati, chi non è idoneo ad un effetto densità e chi è affetto da alopecia areata totale o universale.
_EFFETTO DENSITÁ
L’effetto densità ricrea otticamente una chioma più folta ed è indicato in situazioni di diradamento dei capelli medio/lunghi. L’obiettivo di questa tecnica è quello di ridurre o eliminare la visibilità del cuoio capelluto con relative trasparenze, infoltendo i capelli già presenti. L’effetto densità è una valida soluzione per la calvizie femminile. Il consulto gratuito valuterà l’idoneità al trattamento.
_COPERTURA CICATRICI
La presenza di cicatrici sullo scalpo è una condizione comune, dovuta spesso a lesioni accidentali, interventi chirurgici e interventi di autotrapianto di capelli. Poiché il capello, come qualsiasi pelo, è assente nelle cicatrici, la tricopigmentazione ne va a ricreare la presenza, ottenendo il miglior effetto con i capelli rasati. Il trattamento si effettua su cicatrici di tipo non patologico e in ottimo stato di guarigione (valutate dall’operatore). Richiede una maggiore attenzione rispetto alla tricopigmentazione sulla cute sana, utilizzando una tecnica differente dall’effetto rasato e dall’effetto densità. Prima del trattamento su cicatrice è consigliato un test su una piccola porzione che confermi la stabilità del pigmento.

Prima della Trico
_COME AVVENGONO I TRATTAMENTI
Il trattamento è sempre preceduto da una valutazione preliminare gratuita: al cliente vengono fornite tutte le informazioni necessarie, viene appurato il buono stato di salute della cute e vengono scelte le aree da trattare. 1) Vengono eseguite da 1 a 3 sedute (con eventuale 4a seduta per perfezionamento) fino al raggiungimento di copertura soddisfacente. 2) Durante la seduta, che può durare da 1 a 3 ore, il cliente rimane comodamente steso. Il pigmento viene introdotto nello strato più superficiale del derma e l’azione dell’ago avviene in modo indolore e senza arrecare particolare stress alla pelle. 3) Il cliente appena trattato non avverte fastidi: può guidare, lavorare e svolgere le normali attività quotidiane. Viene informato su come prendersi cura della cute negli immediati giorni che seguono il trattamento. Appena terminata la seduta non sono visibili inestetismi e l’effetto della tricopigmentazione risulta da subito evidente ed apprezzabile.

Annunci

I commenti sono chiusi.