BI24_FLASH_LA BIELLA CHE CAMBIA. Alla scoperta dei nuovi assessori: Davide Zappalà. “Mantenimento e miglioramento…”

davide_zappala

(c.s.) Biella necessita di scelte strategiche di lungo periodo. Negli ultimi anni la città ha assistito a un costante calo demografico e a un incremento del patrimonio di edilizia pubblica di primordine ma che necessita di imponenti risorse economiche. Per questo motivo la parola dordine diventa: manutenzione. Per garantire uno standard elevato del patrimonio esistente. Con particolare attenzione a scuole, strade, edifici istituzionali e impianti sportivi. Equesto lobiettivo prioritario che si pone il nuovo assessore ai Lavori pubblici Davide Zappalà. In rapporto alle possibilità di bilancio, diventa cruciale garantire le risorse per il mantenimento dellesistente. «La prima mission che la città si deve porre è quella di mantenere lesistente e se ci dovranno essere degli sforzi per nuovi progetti questi devono essere rivolti in particolare a un miglioramento della rete dei trasporti».
Nel corso degli anni è aumentato il numero di edifici pubblici, al cospetto di una popolazione in costante diminuzione: «Viviamo una situazione paradossale ed è necessaria la giusta onestà intellettuale per riconoscerla. Se da un lato la città da oltre dieci anni continua a perdere abitanti, dallaltro abbiamo avuto un incremento degli impianti da destinare ad esempio ad attività sportive e un proliferare di nuovi parchi e giardini. Questo ha comportato maggiori oneri di manutenzione e risultati non sempre soddisfacenti». La linea di indirizzo è perciò quella di avventurarsi in progetti sostenibili, che non vadano a gravare ulteriormente sulle casse della collettività: «Capisco il piacere di inaugurare unopera pubblica – aggiunge Zappalà -, ma oggi è tempo di governare la città con minore egocentrismo dando la priorità al mantenimento dellesistente. Nel passato, ad esempio, si sono moltiplicati i parchi e i giardini: ma questi devono poi essere mantenuti. Tagliare i prati e le piante, sistemare i giochi dei bambini in caso di atti vandalici. E per fare tutto, per il settore Parchi e giardini, ci sono 300mila allanno per lintera città».
La grande sfida diventa così quella di mantenere in ordine e funzionale il patrimonio esistente. «A partire dagli asfalti nelle strade, su cui il Comune continuerà a garantire un fondo – aggiunge lassessore -, e a ottobre scatterà il nuovo piano redatto dallufficio tecnico con pronti interventi». Poi c’è da ripristinare ciò che oggi presenta delle criticità: «Eil caso in primis della frana di via Ogliaro, quellintervento non può più attendere oltre ed entro la fine di questanno, con lavori nellautunno, metteremo in sicurezza la strada. Lo stesso vale per la sicurezza delle scuole: abbiamo ampliato lintervento alla scuola di via Don Sturzo garantendo ladeguamento sismico oltre alla nascita di una nuova coibentazione e un impianto fotovoltaico».
_Chi è?
Nato a Biella, il 21 ottobre del 1976, è laureato in Economia a Biella. Etitolare di unagenzia di logistica pubblicitaria che si occupa di cartellonistica stradale e distribuzione volantini. Sposato, con una bambina. Consigliere comunale a Biella dal 2004 al 2009, consigliere provinciale dal 2009 al 2012. Estato presidente del Csi Piemonte nel biennio 2013-2014. Epresidente dal 2014 di Fratelli dItalia Biella.

Annunci

I commenti sono chiusi.