BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA. Pieri, Girardi, Scassa: “Le migrazioni che Bergoglio ama, non piacevano a Wojtyla e Ratzinger”

papa-giovanni-paolo-II-biella24

_Claudia Pieri, Paolo Girardi, Sergio Scassa
In un ormai piuttosto lontano “tweet” Alessandro Meluzzi, che notoriamente non bada…alle forme ma alla sostanza, ha svelato quelle che erano e che ancora sono le idee di due straordinari Papi sul concreto e sulla pratica di “immigrazione”. Giovanni Paolo II° asseriva
che “il diritto primario dell’uomo è vivere nella propria Patria”. Benedetto XVI° invece dice che “prima ancora che il diritto di emigrare, via riaffermato il diritto a non emigrare. Entrambi questi Papi non volevano, evidentemente, che la gente morisse di fame nel loro Paese, perché lavoravano affinché si migliorassero le condizioni d vita delle popolazioni migrati.
Ma nemmeno, come purtroppo insiste a voler fare sciaguratamente il Sig. Bergoglio – oggi Papa Francesco – volevano lasciarli venire in massa qui per stare peggio di dove stavano prima e far star peggio pure la popolazione già residente. Ecco dunque che possiamo tranquillamente cominciare ad affermare che Bergoglio ha, in concreto, creato un danno fisico e morale francamente pauroso e per molti aspetti addirittura irreparabile! Forse dobbiamo cominciare ad ‘allontanarci’ dall’attuale Papa, ferma restando la nostra fede granitica nella Cristianità, domandandoci fino a che punto abbiamo il drammatico dovere, come cattolici, di manifestare pieno rispetto per l’attuale Pontefice.
Come diceva Alessandro Meluzzi, un conto erano Giovanni Paolo II° e Benedetto XVI°, ed un conto è Francesco, che continua a perdere consensi e fedeli, con le piazze che ormai, da Roma in tutti i continenti e quindi in tutto il mondo, sono palesemente e drammaticamente prive di fedeli. Noi, comunque, siamo fortemente credenti e proprio perché “credenti” non offriamo la minima fiducia al Sig. Bergoglio! Non crediamo ce commetteremo peccati, anzi, siamo certi del contrario e proprio per questo ‘pregheremo per il Sig. Jorge Bergoglio!

I commenti sono chiusi.