BI24_FLASH_VOCI DA ROMA. Cristina Patelli, Lega: “Buona scuola: la senatrice Pd Malpezzi, ha perso l’occasione di tacere…”

patelli-nuova-biella24

_Cristina Patelli (Deputato Lega)
La Senatrice Malpezzi ha perso l’occasione per tacere cercando di scaricare le colpe di una “Buona Scuola” renziana, che tutto è stato tranne che buona per gli insegnati, sul Ministro Bussetti. Tutti nel mondo dell’istruzione, sono ben coscienti dei danni provocati dall’azione renziana sulla scuola. Forse dimentica, la senatrice del Pd, che era stato raggiunto un accordo con le Organizzazioni Sindacali sul tema del reclutamento e del precariato nella scuola. L’accordo era stato chiuso nell’ambito di uno dei tavoli tematici attivati a seguito dell’Intesa siglata lo scorso 24 aprile a Palazzo Chigi alla presenza del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del Ministro Marco Bussetti.
Un accordo frutto del serio lavoro condotto con le Organizzazioni Sindacali che avrebbe messo in campo misure straordinarie a tutela dei precari storici, avviando una nuova stagione di concorsi ordinari per gli insegnanti della scuola secondaria. Misure fortemente osteggiate dai nuovi alleati del Partito Democratico. Parliamo dei docenti che hanno già lavorato per almeno tre anni nella scuola, sia statale che paritaria, percorsi (PAS), utile, fra l’altro, per accedere alle supplenze annuali dalle graduatorie di seconda fascia e per insegnare nelle paritarie. Per non parlare del concorso straordinario e abilitante, da oltre 24.000 posti, per chi ha già maturato tre anni di insegnamento nella scuola statale.
Ulteriori 24.000 posti erano poi destinati a un concorso ordinario per laureati in possesso dei requisiti previsti dalla disciplina vigente, fra cui 24 crediti formativi in ambito antropo-psico-pedagogico e metodologie e tecnologie didattiche. Altri 17.000 erano quelli del concorso ordinario per infanzia e primaria. Quasi 70.000 posti nella scuola dunque. Sono forse questi i cocci di cui parla la Malpezzi? Appare evidente che la senatrice ha poca memoria…

I commenti sono chiusi.