BI24_FLASH_DAL COMUNE DI BIELLA/2. Montagna: in arrivo 490mila euro per il restyling della scuola di via Don Sturzo

ZappalàBessone

(c.s.) Quasi mezzo milione di euro per il restyling complessivo della scuola dell’infanzia di via Don Sturzo. Agli interventi già programmati per 360 mila euro, vengono aggiunti dalla giunta Corradino altri 130 mila euro in arrivo tramite il finanziamento del Decreto Crescita, approvato dal governo lo scorso 30 aprile. Con un intervento complessivo di 490 mila euro sarà ristrutturato l’intero edificio.
In questi giorni è stato consegnato all’ufficio tecnico il progetto esecutivo del primo lotto, che verrà ora aggiornato a fronte delle ultime novità. Con i primi 360 mila euro (230 mila per i lavori, 130 mila per spese tecniche e Iva) verrà sostituita la copertura, realizzato un impianto fotovoltaico e l’energia prodotta verrà utilizzata dalla scuola. Inoltre si procederà con l’isolamento della copertura e dei pavimenti del piano terreno. Saranno rifatti anche i servizi igienici e i pavimenti. Con il progetto integrativo da 130 mila euro, i cui lavori devono partire obbligatoriamente entro il 31 ottobre 2019, sarà realizzato un cappotto esterno all’immobile, verranno sostituiti i serramenti e si procederà con l’adeguamento e la messa in sicurezza antisismica dell’edificio.
Soddisfatti gli assessori ai Lavori pubblici Davide Zappalà e all’Istruzione Gabriella Bessone. «Grazie a un ulteriore intervento da 130 mila euro potremo ristrutturare nel complesso l’istituto di via Don Sturzo – dice Zappalà -. Con particolare attenzione al tema dell’efficenza energetica: con meno dispersione ed energia in arrivo dal fotovoltaico». Aggiunge Bessone: «Un tema che il mio assessorato avrà molto a cuore è quello della sicurezza dei nostri bambini e ragazzi all’interno degli istituti scolastici. Poter aggiornare la sicurezza antisismica è un passaggio fondamentale. Un grazie va anche agli uffici tecnici che si stanno adoperando per rispettare le tempistiche dettate dai bandi».

Annunci

I commenti sono chiusi.