BI24_FLASH_VOCI DA ROMA/1. Andrea Delmastro: “Grazie a Fratelli d’Italia, salvata la qualità dei prodotti italiani di Lactalis”

fdi-campagna-elettorale-delmastro-varallo-biella24-001

_Andrea Delmastro (Deputato Fratelli d’Italia)
Sono lieto di comunicare che la Camera dei Deputati ha approvato, nel corso dell’esame del Decreto Crescita, l’Ordine del Giorno di Fratelli d’Italia, di cui ero primo firmatario e proponente, per estendere la disciplina speciale del “Golden Power” ai settori dell’industria agroalimentare e della moda al fine di scongiurare acquisizioni predatorie di quell’asset strategico costituito dal Made in Italy, terzo marchio più noto al Mondo.
Allego il testo dell’Ordine del Giorno che prendeva spunto dal terrificante dato della perdita della proprietà nazionale di 437 aziende italiane per un fatturato di 55 miliardi nel solo quadriennio 2008 – 2012. Allo stesso modo è stata indicata, a titolo esemplificativo, la vicenda di Lactalis, braccio armato della Francia per la guerra economica predatoria ai danni dei marchi delle eccellenze agroalimentari italiane, che dopo aver acquisito Parmalat, Galbani, Invernizzi, Locatelli e Cademartori, ha recentemente acquisito Nuova Castelli, leader nella esportazione del Parmigiano Reggiano, così di fatto mettendo le mani su uno dei marchi più noti della industria agroalimentare italiana.
Il giorno successivo Lactalis ha rivisto al ribasso il prezzo del Parmigiano Reaggiano con effetti a caduta sui produttori del Parmigiano Reggiano, del latte ed, infine, con effetti di abbattimento della qualità a lungo termine. E’ necessario stendere la normativa del Golden Power al sistema della moda e dell’agroalimentare italiano per tutelare le nostre eccellenze che sono una risorsa economica e occupazionale e, nel contempo, un tratto saliente della nostra identità culturale e del “saper fare italiano” stratificatosi nei secoli. Ora esiste, grazie alla cultura “produttivista” di Fratelli d’Italia, uno strumento per difendere il nostro Made In Italy dalle acquisizione predatorie straniere.

I commenti sono chiusi.