BI24_FLASH_DAL FONDO EDO TEMPIA/2: grazie al tradizionale pranzo di Curino, è arrivata un’offerta da oltre 1.800 euro

pranzo Curino 1

(c.s.) È un appuntamento che si ripete ormai dal 2012 e che in otto anni ha moltiplicato la sua energia nel fare del bene: il pranzo che si è tenuto domenica 9 giugno alla Pro Loco di Curino, organizzato da Dominique Chatellenaz e Romolo Cadamuro in memoria del figlio Wladimir, ha consentito di raccogliere 1.840 euro. Alle quote dei presenti si è aggiunta la donazione di una persona che, pur non potendo esserci all’appuntamento, ha lasciato la sua offerta. La cifra contribuirà al lavoro quotidiano del Fondo Edo Tempia su prevenzione, ricerca e cura del cancro.
Fu proprio un tumore cerebrale a spegnere la giovane vita di Wladimir, che fu anche seguito dai medici specialisti in cure palliative del Fondo negli ultimi mesi della sua malattia. Da allora la madre e il padre hanno voluto onorarne la memoria con un momento di festa che consentisse di fare un gesto concreto per sostenere chi si occupa da vicino dei pazienti.
Circa novanta persone, compreso il sindaco appena rieletto Adriano Buzio, hanno risposto all’appello e si sono sedute a tavola domenica in cantone Gabella, negli spazi mesi gratuitamente a disposizione dalla Pro Loco. Non è stato l’unico aiuto alla buona riuscita della manifestazione, a cui hanno contribuito i vitivinicoltori di Bramaterra Lorenzo Rovero, Lorenzo Cerruti, Stefano Vampari, Colombera-Garella, Roberto Forzani e La Palazzina di Leonardo Montà.
Insieme a loro c’è stato ance il sostegno delle aziende del territorio ferramenta Poverello, cartoleria Il Matitone, salumi e formaggi Bercellino, Mulino dei Fiori, Caffé Michela, Miele Davide Salgarella e industrie Toscanini. «Ringraziamo tutti loro» sottolineano gli organizzatori «e i partecipanti per la loro grande generosità». Una gratitudine a cui si unisce quella di Alfredo Pino, co-presidente della Fondazione Tempia, presente alla giornata.

Annunci

I commenti sono chiusi.