BI24_FLASH_ELEZIONI: ATTACCO A GENTILE/1. Barazzotto, Susta e la sinistra biellese che si vende: “Votate lui”. Che schifo

biella-campagna-elettorale-gentile-biella24-006

_Roberto Scucca
Che schifo. Che schifo i cinque tristissimi anni dell’Amministrazione Cavicchioli: un onesto gruppetto di organizzatori di feste pubbliche e niente più. Che schifo questa sinistra che non si limita a perdere, viene rasa letteralmente al suolo dagli elettori biellesi e poche ore dopo, si vende a Dino Gentile per cercare di fermare Claudio Corradino, la Lega, Salvini, i Populisti, i Fascisti, Mussolini, Casa Pound e chi più ne ha, più ne metta. Tutti i loro incubi.
Che schifo, le parole che ieri hanno avuto il coraggio di pronunciare Vittorio Barazzotto e Gianluca Susta, due ex sindaci di Biella considerati ancora oggi – o almeno fino a ieri – dei gentiluomini lontani da certi mezzucci degni di Achille Lauro, quello di “scarpa sinistra prima delle elezioni, scarpa destra dopo”. Che schifo, vedere con quanta velocità questa gente è pronta a voltare la gabbana, ad abbandonare lo sconfitto, anzi, meglio ancora, il morto, con la salma ancora calda sul tavolaccio.
Che schifo che in questa Biella che affonda tra ingiustizie e mediocrità, questi mediocri teatranti della politica sinistrorsa, abbiano anche la concretissima possibilità di riuscire nei loro intenti vergognosi, attraverso la più colossale delle ingiustizie. E soprattutto, che schifo raggiungere il 40% da solo contro altri quattro candidati, per poi ritrovarsi in bocca, il gusto ignobile di una possibile sconfitta.

Annunci

I commenti sono chiusi.