BI24_FLASH_L’ITALIA VISTA DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Cosa dire del sindaco Pd, che nel suo paese ha vietato la… rabbia?”

biella-sandro-delmastro-biella24

_Sandro Delmastro delle Vedove
Leggo soltanto ora, con notevole ritardo di cui chiediamo umilmente scusa, di una delle ultime ‘beatificazioni” dei Sindaci che desidererebbero “sostituire” i ‘clandestini’ agli Italiani. E’ prima di tutto di solare evidenza che, opponendosi al cosiddetto “decreto sicurezza”, istigano di fatto all’odio (e ne hanno già a sufficienza!) contro di noi. Non è bastato, in poche parole, il Sindaco Leoluca Orlando, con il quale francamente pensavamo di aver già toccato il fondo ma, in effetti, avevamo scordato il vecchio proverbio secondo cui… “al peggio non c‘è mai fine”!
E’ stato sufficiente fare in qualche modo ‘conoscenza’ con il Sindaco di Luzzara (Reggio Emilia) che, compiendo un ulteriore e forse decisivo passo verso la più totale abiezione, ha emesso un’ordinanza contro … la ‘rabbia’ (sì, contro la ‘rabbia’!), con tanto di sanzioni che, in pratica, consistono in letture ‘obbligatorie’ scelte dal Sindaco stesso ed in ‘film’ ed opere d’arte scelti sempre da lui: ovviamente non sembra che qualche Pubblica Autorità abbia ritenuto doveroso di intervenire convocando non solo l’interessato, ma anche e soprattutto lo… “specialista neuro-psichiatrico”!
Ora dobbiamo ricordarci di questo Comune (Luzzara) e soprattutto del suo attuale Sindaco: non possiamo più permetterci di avere personaggi sciocchi alla guida di enti pubblici: e dobbiamo soprattutto chiederci come mai, nel caso si specie, non abbia ritenuto di intervenire il Prefetto di Reggio Emilia per bloccare l’assoluta ‘follia’ di un primo cittadino che si è permesso di utilizzare lo strumento ‘tecnico-politico’ dell’”ordinanza”, evidentemente inconsapevole dell’assoluta insolenza, presunzione e prepotenza di un tale comportamento, che, prima ancora che illegittimo, è, a nostro avviso, di fatto una colossale ‘scemenza’! Cos’altro dovremo ancora vedere e sopportare?

Annunci

I commenti sono chiusi.