BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA/1. Raffaella Spaudo: “La crisi è proprio lì, dietro all’ennesima litigata di Salvini e Di Maio…”

luigi-dimaio-biella24

_Raffaella Spaudo
Effettivamente ormai penso che siamo fermi di fronte ad una forte maggioranza dei cittadini ancora e forse definitivamente paralizzata dall’incredibile spettacolo di ridicola (ma nel contempo pericolosissima) impotenza del nostro attuale governo, letteralmente ‘bloccato’ su ogni questione (seria o poco seria!) caratterizzata da ridicolo ed ingiuriosi veti reciproci. E mentre i due ‘dioscuri’ Matteo Salvini e ‘Giggino’ Di Maio, ‘irresponsabili’ e (purtroppo) incompetenti litigano su qualsiasi argomento, senza il minimo senso del ridicolo, sul nostro territorio nazionale, purtroppo, continua a svilupparsi una crisi economica particolarmente severa e pericolosissima per l’Italia.
La nostra personale impressione è che Lega e Movimento 5 Stelle siano, in verità, del tutto incapaci ed inadeguati rispetto al grave compito che li attende ed alla grave crisi che debbono fatalmente affrontare e risolvere! Ora, poi, fa sorridere l’assoluta difficoltà del premier Conte che deve affrontare anche i ‘litigi interni’ che creano evidentissimo imbarazzo anche da parte di Salvini. Il rischio certamente grave sarebbe quello (ed ipotizzarlo è più che lecito!) che ad un calo significativo dei consensi leghisti, e comunque ad una semplice interruzione dell’aumento dei voti leghisti, si debba aggiungere un ritorno in aumento dell’elettorato del ‘vetero-comunista’ Zingaretti.
La verità è che, ormai, qualsiasi ipotesi politica può avere appoggi imprevisti ed imprevedibili, aumentando così non solo la difficoltà da mandare avanti in Paese, ma anche e soprattutto accrescendo la paurosa disistima di cui soffre il nostro mondo partitico: siamo certamente insicuri e malconci, ma soprattutto non si vedono all’orizzonte forze capaci di risollevarci verso una posizione di forza con restituzione di quell’equilibrio mondiale di cui abbiamo urgente e costante bisogno. C’è forse da cominciare a chiedersi, quando ormai mancano soltanto pochi giorni al voto, se sarà possibile inventarci qualcosa di positivo e di decisivo: il popolo italiano lo attende perché, in realtà, lo merita!

Annunci

I commenti sono chiusi.