BI24_FLASH_ARTI MARZIALI/1. Taekwondo: grandissima “White Fox” a Jesolo. Sette atleti, per sei ori ed un argento

ALICIA AYOUB

(c.s.) Il 27 e 28 aprile a Jesolo (VE) la White Fox ha partecipato alla International Veneto Open Kombat 2019 con 7 atleti e porta a casa 6 ori e 1 argento. Sono i risultati delle novità introdotte dalla società nel lavoro in palestra concentrandosi non solo sotto il punto di vista tecnico, ma anche sotto il profilo psicologico e psicoattitudinale degli atleti. Gli atleti hanno disputato un totale di 13 incontri, incassando 12 vittorie. In questi due giorni, sull’ottagono di gara le volpi hanno portato grinta, determinazione, correttezza e sportività, quest’ultima qualità anche elogiata dalla direzione gara.
Sei medaglie d’oro per gli atleti della palestra di Valdilana iniziano con: Giovanni Bezzato, 11 anni, cintura gialla superiore ha combattuto una lunga sessione di eliminatorie, ha conquistato ben due vittorie per abbandono dell’avversario (e tra queste la finale). Inoltre, alta prova di fair play per lui che riceve un forte calcio in pieno viso dopo il Kalyeo (lo stop dell’arbitro). In questa condizione avrebbe potuto abbandonare vincendo a tavolino per attacco antisportivo, ma ha deciso di continuare e guadagnarsi la sua vittoria in modo netto. Elena Bozzo, 9 anni, disputa un combattimento portandosi al ko tecnico (20-0) e disputa una sofferta finale, con un’ avversaria notevole, prende 4 calci al caschetto dall’avversaria più alta, ma stringendo i denti e con grande forza di volontà ha finito il suo incontro tenendosi sempre un punto avanti, lavorando strategicamente di velocità sulla corazza.
Marta Nicolai, 14 anni cintura gialla, incontra in un’ amichevole un’atleta veneta, di categoria di peso superiore e con il grado di cintura rossa. Marta, che a discapito della cintura ha collezionato una discreta esperienza agonistica, si è dimostrata un’avversaria capace per la padrona di casa, dominando il campo gara. Iron Botto Steglia, 14 anni cintura blu superiore, ha disputato due amichevoli dando grande dimostrazione di fair play, ricevendo i complimenti anche del coach avversario. La prestazione tecnica e la maturità agonistica dell’atleta laniero dimostrano che il suo percorso verso il grado di cintura nera è perfettamente tracciato.
Ayoub Abdulkadir, 7 anni e pool di sei avversari per il piccolo delle giovani volpi, ma nessuno è stato realmente in grado di metterlo in difficoltà, 10 secondi circa per portarsi in netto vantaggio e poi mantenere il distacco. Ayoub in questo modo ha confermato la serie positiva iniziata due settimane prima a Savona. Alicia Dora Patricio Costenaro, 8 anni, chiude questa due giorni veneta, dominando la finale e vincendo 11 a 0, non lasciando mai spazio sulla propria corazza e lavorando in velocità su finte ed uscite, con una precisione rara da vedere in un’atleta così giovane.
Unico ma non scontato l’argento di Stefano Costa, 13 anni, che in finale si è trovato di fronte un avversario tecnicamente valido che lo ha messo in grande difficoltà. Non ha mai perso la calma provandoci fino all’ultimo secondo e con questo dimostrando un’ottima capacità di resilienza. Un argento che pesa quanto un oro sulla crescita dell’atleta. Con la stagione quasi alla fine, la White Fox ci riserverà sicuramente altre sorprese.

Annunci

I commenti sono chiusi.