BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA. Spaudo, Scassa e Girardi: “Fermiamo il vecchietto Berlusconi da questa fine ingloriosa…”

berlusconi-generica-biella24

_Raffaella Spaudo, Sergio Scassa, Paolo Girardi
Per il vero già ci è accaduto di svolgere queste brevi considerazioni e di giungere a tristi valutazioni. Seguiamo da anni la politica e, in particolare, abbiamo sempre, negli anni decorsi, apprezzato la figura del Capo di Forza Italia Silvio Berlusconi il quale, a nostro parere, non ha mai accettato il ruolo di “numero due”. Ora anche l’ultraottantenne di Arcore è diventato letteralmente irriconoscibile sia fisicamente sia psicologicamente e sia culturalmente. Chi ha avuto l’opportunità di vederlo e di sentirlo ‘sproloquiare, ancora
recentemente, di fronte a Barbara Palombelli è rimasto del tutto sconcertato: neppure da Barbara D’Urso era apparso un Berlusconi così “rabbioso”, “confuso” e pietosamente “contraddittorio”, con capacità di ingiuriare in modo pesante.
Ricordiamo a tutti che è stato capace perfino non già di contraddire, ma di ingiuriare il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte con espressioni di questo genere: “Lo pensano tutti in Europa che Conte è un burattino di Luigi Di Maio e di Matteo Salvini. Vale la pena di rilevare e sottolineare che si tratta delle stesse parole utilizzate dal maleducatissimo politico belga Guy Verhofstadt nel Parlamento europeo!
Che vera ed autentica angoscia verificare che un uomo politico di primo piano, già votato da milioni di elettori italiani, viaggi verso una fine politica del tutto ingloriosa ed anzi decisamente squallida per la incapacità di pronunciare la parola “Basta: sono alla fine!” Qualcuno si è già chiesto se, fra i suoi figli e i suoi consiglieri, non vi siano soggetti in grado di impedirgli atti di vero e proprio autolesionismo: evidentemente no! Per quanto ci riguarda, proviamo a rivolgere la domanda ai due eletti in Forza Italia Sen. Giberto Pichetto Fratin e On. Roberto Pella e speriamo in una risposta convincente!

Annunci

I commenti sono chiusi.