BI24_FLASH_POLIZIA. Biella: cerca di uccidere l’ex fidanzata e poi va al bar a bere con gli amici. Arrestato pregiudicato 49enne

arresto-polizia-biella24

Non riuscendo ad accettare la fine della loro relazione, prima l’ha minacciata, in casa, con un coltello ed una catena, poi le ha stretto le mani al collo, fino a farle perdere i sensi. Quindi, se n’è andato tranquillamente nel bar che solitamente frequenta, lasciandola per terra svenuta. E poche ore dopo, è stato arrestato dal personale della Squadra Mobile della Questura di Biella.
Sono stati momenti di vero terrore, quelli che ha vissuto nei giorni scorsi una donna di 30 anni residente a Biella. L’uomo di 49 anni con cui conviveva fino a qualche tempo prima, le è infatti piombato in casa ed ha cominciato ad insistere, cercando di convincerla a riprendere la loro storia. Quando lei gli ha risposto per l’ennesima volta di no, lui è andato su tutte le furie, costringendola a richiedere l’intervento del 113.
L’operatore, quando ha sentito la voce spaventata della donna, le urla dell’uomo in sottofondo e la chiamata interrompersi di colpo, non ha avuto dubbi ed ha subito inviato nella zona da cui proveniva la telefonata, una volante della Polizia. Sono stati momenti di vera tensione: il nome della donna, non era sul citofono e quando gli agenti hanno trovato la porta giusta, hanno dovuto richiedere l’intervento del Vigili del Fuoco, perché non rispondeva nessuno.
Quando i pompieri hanno sfondato, la vittima era ancora a terra priva di sensi; ripresasi pochi minuti dopo, ha spiegato l’accaduto al personale della Polizia biellese, che si è subito messo alla ricerca dell’ex compagno violento, volto già noto alle Forze dell’Ordine per vari tipi di reato. Gli agenti, lo hanno trovato poco dopo, dentro ad un locale, con ancora addosso il coltello e la catena, utilizzati poco prima per minacciare la donna; come detto, per lui sono scattate le manette ed ora si trova in una cella del Carcere di Biella.

Annunci

I commenti sono chiusi.