BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA. Raffaella Spaudo, Paolo Girardi: “Quando inizieremo a ricordare anche le stragi comuniste?”

stalin

_Raffaella Spaudo, Paolo Girardi
Ci accade ogni anno, in corrispondenza del “Giorno della Memoria”, di assistere, più che comprensibilmente, da interviste, inchieste, film e spettacoli teatrali relativamente, al triste ricordo che accompagna e soprattutto che ha accompagnato la tragica vita dei superstiti della Shoah. Si tratta naturalmente di iniziative più che giuste e lodevoli che raccontano le tristissime vicende che hanno dovuto purtroppo vivere gli ebrei sotto il dominio dei nazisti.
Ma una volta detto e ribadito che è più che giusto celebrare quelle tragedie e soprattutto quelle morti, diventa ancor più difficile ricordare i 100 milioni di cadaveri provocati dal comunismo nel silenzio generale: eppure a proposito di questo criminale ‘prodotto dalla dottrina marxista’, preferiamo ricordare che alcuni anni or sono trovammo e ci ‘impadronimmo’ di un libro pieno di documenti, dal titolo “Il libro nero del comunismo” che, Mondadori Editore, ebbe grande successo verso la fine degli anni ’90.
Esso fu oggetto di molte ristampe e diventò un vero e proprio ‘bestseller’ dela fine del secolo. La sua pubblicazione creò sconcerto e rabbia fra tutti i “compagni”, del tutto incapaci di ammettere persino la tragedia di… cento milioni di morti! E non bastò il ‘cambio di nome’ e l’eliminazione della parola ‘comunismo’: qualcuno ha ricordato che ‘nel nuovo secolo, l’omertà, nel giro di pochi anni, è diventata assoluta in tutto il mondo”.
E’ sufficiente prendere in esame le pellicole cinematografiche: centinaia di film sulla Shoah e nessun film sui crimini spaventosi del comunismo. Ecco perché riteniamo più che giusto ricordare ancor oggi i cento milioni di morti uccisi grazie al simbolo della… ‘falce e martello’!
Prima che i giovani dimentichino questi omicidi, abbiano ritenuto giusto e doveroso ricordare a ragazzi quindicenni o ventenni che l’Italia visse, ‘capitanata’ dal ‘comunismo’, un dramma senza possibili ed accettabili confronti numerici con altre pagine della Storia!

Annunci

I commenti sono chiusi.