BI24_FLASH_DAL COSSATESE. Cossato: a villa Ranzoni la mostra “In viaggio con Wondy” per ricordare Francesca Del Rosso

cossato_in_viaggio_con_wondy

(c.s.) Dal 18 al 23 gennaio, dalle ore 15 alle ore 17 presso la sala eventi di Villa Ranzoni sarà possibile visitare la mostra “In viaggio con Wondy”. L’esposizione, realizzata dall’Associazione “Wondi Sono Io”, è organizzata a Cossato dalla Lilt di Biella con il patrocinio del Comune di Cossato. Si tratta di un omaggio a Francesca Del Rosso, giornalista e scrittrice, morta a seguito di un tumore lo scorso 11 dicembre 2016: attraverso un percorso fatto di immagini e brevi testi, conoscerete Wondy e la sua “vita da resiliente”.
_IL PROGETTO
L’associazione “Wondy sono io” per la diffusione della cultura della resilienza ha realizzato una mostra fotografica dedicata a Francesca “Wondy” Del Rosso, giornalista e scrittrice che per sei anni ha affrontato e raccontato con il sorriso e l’ironia il tumore che l’aveva colpita. Francesca Del Rosso è stata esemplare ed efficace nel raggiungere il lettore con il bestseller Wondy ovvero come si diventa supereroi per guarire dal cancro (Rizzoli, 2014), in cui emerge il suo atteggiamento da “resiliente”: la mostra è un omaggio proprio alla sua resilienza, attraverso la storia fatta di immagini e brevi testi. Il punto di partenza è agosto 2010, momento in cui Francesca scopre di avere “due sassolini” nel seno destro. Le foto sue e della famiglia raccontano non solo i viaggi “veri” fatti da questo momento, ma tracciano le tappe della malattia: le tavole testimoniano lo stato di avanzamento del tumore e le reazioni di Wondy. La sua “vita da resiliente” emerge con chiarezza da questo percorso creato con 15 tavole.
_ASSOCIAZIONE
L’Associazione “Wondy Sono Io” – fondata dal marito di Francesca, il giornalista di
Radio 24 Alessandro Milan, insieme a Francesca Ravelli e alla collega Alessandra Tedesco – apre in questo modo le attività e gli appuntamenti dell’Associazioni, che mirano a costruire e promuovere la cultura della resilienza, sia essa legata alla malattia e al dolore, ma anche ad altri fenomeni: grandi e universali (come quello di lotta alle mafie e alle guerre) o più attinenti al campo personale, che possono scuotere e sconvolgere la nostra quotidianità (la perdita del lavoro, una separazione). “Resilienza è una parola che merita attenzione, che va raccontata, spiegata, diffusa, che voglio portare nel mondo, in tutti i modi che conosco e chi mi verranno in mente. E che ci verranno in mente, perché io ho bisogno di una mano, da tutti voi” (dal manifesto dell’Associazione “Wondy Sono Io”).

I commenti sono chiusi.