BI24_FLASH_IL MONDO VISTO DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Nei paesi islamici, cristiani perseguitati. Ma ai nostri preti va bene così…”

biella-sandro-delmastro-biella24

_Sandro Delmastro delle Vedove
Dobbiamo tutti sentire il dovere di riflettere sulla ingiustizia, che certamente dobbiamo definire vergognosa, che segue la legge per cui gli Stati islamici ritengono reato da perseguire e da punire tutti i Cristiani che manifestano, ed anche con amore e con orgoglio, la loro (nostra) “fede”. Un giornale, recentemente, ha scritto che i Cristiani,
in quelle aree, sono trattati… ‘come ai tempi di Nerone’.
Eppure viene impedito di professare la loro religione e la loro “fede” in un Dio che chiede soltanto di amare il prossimo, anche coloro che hanno in animo di ucciderti! E so che è doveroso perché Cristo così ci ha insegnato e perché, quindi, siamo consapevoli che dobbiamo porgere l’altra guancia per obbedire ai ‘comandamenti’: io personalmente credo che sia giunto il momento di reagire, ma al contrario mi avvedo che qualcosa si sta muovendo, anche se, purtroppo, non nell’indirizzo che io auspicavo: nelle scuole italiane ormai non si allestiscono più i presepi per non infastidire o addirittura ‘irritare’ gli islamici, ormai onnipresenti, e nel contempo sono stati deliberatamente rimossi i crocefissi ed addirittura cambiate le parole delle canzoni di Natale.
E’ molto, molto triste, anche perché, forse, non ci accorgiamo che sono proprio i nostri preti a dirigere questa vera e propria rivoluzione sostanzialmente … ‘anti-cristiana’. Per quanto mi riguarda, non riesco a non attribuire le colpe più gravi a Papa Bergoglio ed a tutto il nostro clero, sempre più ‘servo passivo’ di altrui religioni e ormai privo dell’orgoglio di essere Cristiani, dimenticando che per secoli siamo stati fedeli nonostante le persecuzioni e le uccisioni. Che il buon Dio, dunque, ci aiuti in questo momento delicato e difficile!

Annunci

I commenti sono chiusi.