BI24_FLASH_L’ITALIA VISTA DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Lega e 5 Stelle, stanno tradendo i loro impegni elettorali…”

biella-sandro-delmastro-biella24

_Sandro Delmastro delle Vedove
Lega (non più ‘nord’!) e Movimento 5 Stelle sono ormai al governo da otto o nove mesi: tutti i due i ‘gruppi’ hanno caratterizzato la loro campagna elettorale impegnandosi a “pensare sempre e soltanto al popolo”, e ribadendo che non avrebbero mai assolutamente inasprito il peso fiscale. Come spesso accade nel mondo della politica, in effetti, è accaduto esattamente il contrario, con un forte ed immorale tradimento del
giuramento’ degli uomini dei partiti.
Vediamo quel che è accaduto: in buona sostanza, prima esistevano ‘sgravi fiscali’ che ora hanno, in concreto, sostanzialmente ‘cancellato’, mettendo le imprese, già in difficoltà per fatti loro, in condizioni ancora più serie e più gravi e forse irreparabili. Ma il ‘tradimento’ forse più grave è quello perpetrato in danno della categoria pensionati, chiamati conseguentemente a pagare più tasse, a seguito dei ‘tagli’, anche se non massicci, operati a loro danno.
Ed ancora abbiamo dovuto subire anche il drammatico ed inatteso blocco delle assunzioni nel settore pubblico, blocco che si è trasformato in assenza di stipendio per decine e decine di migliaia di possibili giovani pronti a lavorare ed in attesa di occupazione. E da ultimo ecco che hanno disposto il blocco delle grandi opere, con tutte le conseguenze che, fatalmente, ne deriveranno.
Non c’è dubbio che la situazione sia difficile e complessa: ma purtroppo anche gli impegni assunti dalla ‘autorità’ lasciano il segno e il popolo italiano vuole che siano rispettate le parole e le promesse che vengono lanciate in campagna elettorale. Qui, al contrario, semplicemente vengono traditi tutti i ‘giuramenti’ in tema di lavoro, e vengono volgarmente delusi e disattesi dinnanzi ad una massa enorme di famiglie sprovviste di qualsivoglia
occupazione: è sempre bene ricordare che in effetti sono all’incirca cinque milioni le persone che fanno profonda fatica a campare e altri tre milioni di sostanziali disoccupati, spesso e volentieri di età giovanile.
E abbiamo un governo ‘costretto’ a perdere tempo dietro ai ‘burocrati’ dell’Unione Europea anziché avere il coraggio di mandare tutti gli ubriaconi come Juncker & C. a quel Paese. La verità (è bene cominciare a confessarcelo!) è che tutta l’Europa è in forte crisi e che noi Italiani drammaticamente non sappiamo ‘sciogliere’ una ‘unità’ ormai inesistente! Povera Italia e povera Europa, forse senza alcun futuro!

I commenti sono chiusi.