BI24_FLASH_L’ITALIA VISTA DA BIELLA. Sandro Delmastro: “L’antico prestigio italiano, contro le storielle degli ‘eurocrati’…”

biella-sandro-delmastro-biella24

_Sandro Delmastro delle Vedove
Smettiamola di giocare col ruolo penoso ed umiliante degli italiani imbecilli (altrimenti detti ‘italioti’) e riprendiamoci il nostro antico e splendido prestigio, fin qui almeno dignitosamente difeso (fin troppo!) e rappresentato da Giuseppe Conte. Ora siamo letteralmente circondati da ‘eurocrati’ che ci raccontano le loro storie incredibili dimenticando del tutto le proprie Nazioni di appartenenza, ove sta accadendo di tutto e di disastroso!
Si pensi soltanto per qualche secondo a quel che è accaduto nell’ultimo mese nella Francia diretta dal Presidente della Repubblica più odiato di tutto il continente, e cioè da Emmanuel Macron: e il popolo francese non è assolutamente disponibile ad abbandonare la lotta, che pure ha devastato la capitale Parigi! Ed allora cominciamo con il ricordare che Jean Claude Juncker, che Pierre Moscovici e che Valdis Dombrovskis sono dei politici faziosi che hanno sino ad ora resistito perché il nostro Presidente del Consiglio Conte, per persona ‘troppo’ educata e per bene, non ha voluto di fronte al mondo chieder conto, a
tutti e tre i soggetti, della loro volgarissima partigianeria, in evidente contrasto con il dovere ferreo che imponeva e impone loro di essere del tutto oggettivi ed ‘equanimi’.
Inutile dire che la sinistra italiana, serva da sempre e comunque del tutto ferma di fronte ad un disegno internazionalista, si è asservita di fronte ai noti ‘burosauri’ della cosiddetta ’Europa Unita’. Non è un caso che siamo costretti ad assistere (purtroppo in silenzio!) a degli ‘sforamenti’ programmati ed applicati dalla Germania della ormai dimissionaria Angela Merkel e dell’assurdo rapporto fra il deficit ed il Pil che ci ha svelato il governo francese del ‘nanerottolo’ Macron, presso la Presidenza della Repubblica, che, non dimentichiamolo, aveva addirittura programmato la presenza di un aereo per poter fuggire se non si ‘fermava’ la ‘rivoluzione’!
Ma quel che conta, in realtà, è la insopportabile faziosità dei ‘leaders’ europei (appunto Juncker, Moscovici e Dombrovskis), e soprattutto la loro ‘lercia’ pretesa di ‘castigare’
l’Italia proprio mentre loro ‘aiutano’, in modo decisivo e tecnicamente scorretto, la Francia e la Germania! Si ha la sensazione che probabilmente, per un mesetto circa, sarebbe opportuno far rappresentare l’Italia dal leghista Matteo Salvini: a differenza di Conte sarebbe capacissimo ad arrabbiarsi ed a ’spedire a quel paese’ questi ‘rinnegati’ e ‘venduti’ falsi ‘europei’!

Annunci

I commenti sono chiusi.