BI24_FLASH_DAL COMUNE DI BIELLA. Caldesi, Fdi: “Gli Zumaglini ostaggio di droga e violenza: ma l’ordinanza anti-bivacco?”

biella-grand-hotel-zumaglini-biella24-001

Purtroppo, ormai i giardini Zumaglini non sono più vissuti dai cittadini biellesi come un luogo tranquillo e sicuro, a causa di numerosi fruitori degli stessi, in maggior parte immigrati, che stazionano tutto il giorno sulle panchine dediti spesso al consumo di alcol: un posto dove spesso si verificano risse ed episodi di violenza. Ma quello che è capitato lo scorso 22 novembre, ha veramente dell’incredibile: nella Giornata Nazionale per la Sicurezza nelle Scuole, sotto alcuni cespugli è stata trovata della droga… Dove è finita l’ordinanza anti-bivacco, firmata dal sindaco alcuni anni fa?”.
Poveri Zumaglini: un tempo giardini di lusso della città, oggi area sotto assedio, da parte di disperati, spacciatori e violenti. La Biella di Cavicchioli, è questa: triste e pericolosa, disordinata e priva di senso, nonostante il Primo cittadino, come ricorda Livia Caldesi, avesse cercato di limitare i… danni, tre anni fa, con una ordinanza quasi mai applicata. “Il documento – conclude la sua interrogazione il consigliere di Fratelli d’Italia – è scaduto il 31 marzo di quest’anno, vorrei che Cavicchioli spiegasse ai cittadini se è stato rinnovato oppure no”.

I commenti sono chiusi.