BI24_FLASH_PUNTI DI… SVISTA/2. Attilio Orcelletto, Raffaella Spaudo: “Elezioni Usa: è incredibile l’atteggiamento dei giornalisti…”

donald-trump

_Attilio Orcelletto, Raffaella Spaudo
E’ francamente tanto incredibile quanto pazzesco il comportamento dei giornalisti increduli e delusi per l’esito delle elezioni americane! Secondo la stampa nazionale ed internazionale vicina alla sinistra e secondo le più importanti reti televisive, sostanzialmente il Presidente degli Stati Uniti d’America avrebbe “perso” le elezioni di medio termine che si sono svolte nei giorni scorsi. E’ vero esattamente il contrario ed è un fatto sconcio che si continui a mentire in modo letteralmente clamoroso, senza che nessuno dica qualcosa di decisivo e di definitivo per affermare la verità. In realtà Donald Trump ha vinto, ed anzi, probabilmente ha ‘stravinto’ la battaglia elettorale. E’ peraltro doveroso ricordare, per capire fino in fondo il problema, che salvo rarissime occasioni, quasi mai il partito di un Presidente di primo mandato ha avuto un risultato positivo nelle elezioni che vengono definite ‘di medio termine’.
Del resto è più che sufficiente vedere quel che è successo con gli ultimi due Presidenti democratici: Barack Obama e Bill Clinton, che, pur avendo la… ‘fortuna’ (?!) di essere appartenenti al Partito Democratico, vennero catastroficamente sconfitti. Al contrario, il ‘nostro Donald’ ha mantenuto ed anzi rafforzato la propria maggioranza al Senato (è bene ricordare che la maggioranza al Senato – che Trump ha decisamente robusta – è assolutamente fondamentale per le scelte costituzionali!), e soprattutto ha portato al successo, in modo persino inatteso, molti candidati repubblicani di ancora giovane età.
Ora il Presidente Trump può tranquillamente e serenamente preparare, come si usa dire nelle elezioni statunitensi, ‘la volata’ in vista delle elezioni presidenziali che si
terranno nel 2020. I nostri giornalisti, ‘servi pagati’ dal gruppo politico francese e tedesco, sono letteralmente ‘furenti’ per l’esito del tutto inatteso (naturalmente da loro!) di un’elezione che ha visto persino gli uomini della stampa ’andare fuori di testa’ per la vittoria di Trump, tanto da aggredirlo, durante la conferenza stampa trasmessa per televisione, senza rendersi conto di avere dinnanzi a loro, un Presidente ‘galvanizzato’ e soprattutto di buon umore a dispetto degli uomini dei giornali e delle televisioni, ‘lividi’ per l’esito (da loro e soltanto da loro!) certamente inatteso e per la visibile soddisfazione del Presidente più violentemente (ed inutilmente) attaccato degli ultimi 50 anni!

I commenti sono chiusi.