BI24_FLASH_DAL COMUNE DI BIELLA/1: ubriaco, molesto e con la “maria” in tasca, fermato e denunciato dalla polizia municipale

marijuana sequestrata

_Riceviamo dal Comune di Biella e pubblichiamo:
Non solo infastidiva i passanti, da ubriaco, intorno ai chioschi dei giardini Zumaglini ma aveva anche addosso pochi grammi di marijuana, conservati in piccoli involucri di cellophane: a fermarlo ci hanno pensato gli agenti della polizia locale di Biella che lo hanno denunciato all’autorità giudiziaria, dopo un intervento che ha impegnato ben due pattuglie.
I fatti risalgono alle 19 circa di venerdì 2 novembre: ad avvisare i due agenti di servizio nella zona era stato un cittadino, che li ha indirizzati nella zona dei giardini in cui l’uomo che, in evidente stato di alterazione, stava disturbando le persone presenti. I primi tentativi di calmarlo sono stati inutili: lo sconosciuto, all’offerta di aiuto e alla richiesta di mostrare i documenti, ha reagito con le minacce, che sono continuate anche quando è stato chiesto l’intervento di una seconda pattuglia di rinforzo. L’atteggiamento dell’uomo non è cambiato e anzi, dopo aver sputato verso gli agenti, ha provato ad allontanarsi verso via La Marmora. A quel punto è stato fermato e condotto al comando. La perquisizione ha consentito di trovare, nascosti nel risvolto dei pantaloni, cinque pacchetti di cellophane con quella che, all’esame condotto poco dopo in Questura, è risultata essere marijuana. Sei i grammi complessivi sequestrati: è probabile che fossero destinati allo spaccio. L’uomo è stato identificato: quarantenne, nato in Ghana, è stato denunciato. La perquisizione nella camera del centro di accoglienza in cui risiedeva ha dato esito negativo: non sono state trovate altre sostanze proibite.
«Ringrazio gli agenti per la disponibilità e la professionalità dimostrata nell’intero corso dell’operazione» spiega Massimo Migliorini, comandante della polizia municipale. «E ringrazio il vicecomandante Marcello Portogallo che è intervenuto per coordinare l’attività. Questo episodio è emblematico dell’attenzione che la Polizia Locale presta al presidio del territorio, soprattutto delle zone ritenute più sensibili, al fine di concorrere nel garantire la sicurezza dei cittadini e la consueta vivibilità nella nostra città».

I commenti sono chiusi.