BI24_FLASH_L’ITALIA VSTA DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Domanda a Pichetto: ma Berlusconi sa di avere quasi 84 anni?”

biella-sandro-delmastro-biella24

_Sandro Delmastro delle Vedove
Sono notoriamente stato sempre coerente con la mia fede politica e dunque, nell’ambito di tale atteggiamento, che dura ormai da mezzo secolo, posso dire che, da un punto di vista strettamente partitico, ho avuto modo di avere rapporti con Silvio Berlusconi più stretti ed intensi rispetto a quelli che continuavo all’epoca ad avere con il segretario del mio partito Gianfranco Fini di strettissima appartenenza, e cioè di Alleanza Nazionale. Ho quindi avuto l’opportunità di conoscere ed apprezzare il ‘leader’ di Forza Italia al quale, oggi, mi voglio rivolgere, per il tramite di un autorevole esponente biellese quale il Senatore Gilberto Pichetto Fratin che, (quasi) sempre fedele, ha tuttavia avuto occasione di approfondire la propria conoscenza con Berlusconi.
Proprio perché io ho avuto grande stima del ‘leader maximo’, ritengo di avere il diritto di
rivolgere alcune domande che, per la verità, ormai da tempo vengono indirizzate ai più autorevoli personaggi facenti parte del partito (un tempo) ‘numero uno’ della Repubblica. Come è possibile che nessuno abbia mai detto apertamente a Berlusconi che ormai è un ultra-ottantenne e che dunque non ha più senso che continui a candidarsi in posti che hanno una’durata’ financo quinquennale? E’ ben vero che egli può rispondere che se può continuare a fare il Senatore a vita Giorgio Napolitano, ha ancora ‘ampio spazio’ anche lui: per la verità, in effetti la differenza è che Napolitano non ha ‘lavorato’ un solo giorno in tutta la sua vita e che dunque non si è… ‘consumato’, e che pertanto il paragone non regge!
Ma, in più, il problema è che ‘Silvio il Vecchio’, anche ‘visivamente’, ed al di là di tutti i ‘trucchi’… ‘femminili’ che si mette in volto senza il senso del ridicolo, appare come soggetto triste, pietoso e patetico. E – ripeto – lo dico con tutto il rispetto che ho sempre avuto per lui nei dieci anni in cui ho ricoperto il ruolo di deputato. Ma la seconda domanda
che mi pongo, e che soprattutto pongo al Senatore Gilberto Pichetto Fratin è quella relativa al fatto che è impossibile che l’attuale classe dirigente di Forza Italia (che non a caso sta praticamente ‘scomparendo’ sul piano politico!), e, a titolo esemplificativo, Tajani, la Bernini, la Gelmini, Brunetta, Gasparri, la Carfagna ecc., non si renda conto che Silvio Berlusconi è ‘il passato’ e non può più assolutamente neppure ipotizzare di poter essere ‘il futuro’!
Detto questo, e fermo restando che ho un forte rammarico nell’essere ‘costretto’ a vedere l’immagine di ‘Silvio il Vecchio’ circondato da ‘lecchini’ che non hanno il coraggio di dirgli di fare il pensionato come un qualsiasi ultra-ottantenne che si rispetti e di rinnovare completamente Forza Italia, è in gioco persino il futuro dell’Italia, con seri problemi politici anche in ragione delle alleanze attualmente in corso. E dunque forse è maturo il tempo per assumere importanti decisioni di natura partitica, anche se, umanamente, forse è spiacevole, ma fatalmente inevitabile, dover dire a Berlusconi che la sua epoca è ormai finita!

I commenti sono chiusi.