BI24_FLASH_DALLA VALLE CERVO. Miagliano: vinto, con Sagliano, Campiglia e Rosazza, un bando del Gal Montagne Biellesi

miagliano-sindaco-mognaz-new-biella24

_Riceviamo e pubblichiamo:
A distanza di qualche mese dall’aggiudicazione di tre importanti contributi, il Comune di Miagliano fa poker, incassando il quarto più importante risultato dell’anno, ossia il primo posto al bando promosso dal GAL – Montagne Biellesi, dedicato ai servizi pubblici essenziali. Questo bando rientra nel Piano di Sviluppo rurale 2014-2020 dell’Unione Europea, che riguarda appunto lo sviluppo in ambito locale di servizi e infrastrutture dedicati alla cultura. Un bando complesso e articolato, al quale il Comune di Miagliano ha voluto partecipare con determinazione, creando una ricca rete di partnership locali, nella quale più Comuni della Valle Cervo hanno fatto squadra. Infatti insieme a Miagliano, ha
partecipato anche il Comune di Campiglia Cervo, ai quali si sono aggiunti numerosi partner pubblici e privati tra i quali l’Unione Montana Valle del Cervo – la Bursch, i comuni di Rosazza e di Sagliano Micca, e il Consorzio Alpi Biellesi – Oasi Zegna.
“Aver vinto anche questo progetto – commenta il Sindaco di Miagliano Alessandro Mognaz – premia gli sforzi della mia amministrazione, che in questi quattro anni ha gettato le basi per costruire una comunità locale più ricca in termini di servizi e di riqualificazione del territorio. Sono molto soddisfatto perché, in questa circostanza, a vincere non è solo Miagliano, ma tutta la Valle del Cervo che grazie a questo progetto di territorio ha un mezzo in più per far conoscere le sue bellezze e peculiarità, creando un sistema di rete inedito tra i diversi attori della Valle”.
“Il progetto s’intitola “La Valle dell’acqua – Storie di Lavoro, di Pietra e di Lana”, – aggiunge il Vice Sindaco di Miagliano Mauro Vinetti – Da Rosazza a Miagliano, passando per Campiglia Cervo e Sagliano Micca, il Cervo ha conosciuto e raccontato storie di uomini, che nella Valle hanno vissuto, lavorato e anche emigrato. Sulle rive del Cervo sono sorti
fabbriche per lavorare la lana; uomini hanno scavato nel tempo la pietra per costruire case, borghi, ponti e fontane… Tutte “storie di lavoro, di pietra e di lana” che meritano di essere recuperate e raccontate nella cornice della Valle dell’Acqua”.
Il progetto di Miagliano prevede la valorizzazione dell’area lungo il canale Roggia e del Villaggio operaio, infatti è prevista la creazione tra gli altri, di un anfiteatro costruito totalmente con materiali naturali, inserendosi così perfettamente nel contesto naturale circostante, per ospitare eventi e rassegne che già colorano da sempre Miagliano. Sarà poi posata cartellonistica e segnaletica comune nei diversi siti della Valle sino all’Oasi Zegna. Il progetto di Campiglia Cervo invece prevede la creazione di un importante e peculiare museo dedicato alla Società Operaie e di Mutuo Soccorso della Valle del Cervo.
“Sono tante le novità e le opere che realizzeremo in seno a questo progetto – prosegue il Sindaco Mognaz – avremo certo modo di conoscerle e svelarle via via… certi che i risultati ottenuti e che otterremo porteranno benefici a tutta la comunità della Valle del Cervo”.

I commenti sono chiusi.