BI24_FLASH_DALLA PROVINCIA DI BIELLA. Pari opportunità sul lavoro: nel 2017, sono state nove le persone discriminate

provincia-carlotta-grisorio-biella24

_Riceviamo dalla Provincia di Biella e pubblichiamo:
Il 16 ottobre presso la Sala Becchia della Provincia di Biella, il Consigliere Provinciale di Parità Carlotta Grisorio ha riunito il Tavolo Provinciale Pari Opportunità allo scopo di relazionare brevemente sulle varie attività svolte nel presente anno e condividere con gli attori del territorio comuni orizzonti programmatici. Il Tavolo è nato tre anni fa dalla formalizzazione di un’intesa territoriale fra soggetti del pubblico e privato sociale che a vario titolo si occupano di pari opportunità, del mondo del lavoro, della scuola, delle donne e dei temi sempre attuali della conciliazione, della discriminazione e della violenza.
L’incontro ha visto la restituzione dell’attività svolta dal Consigliere Supplente Ilaria Sala che si è occupata della gestione delle segnalazioni pervenute all’Ufficio CdP da parte di lavoratori discriminati sul luogo di lavoro. Nell’anno 2017 si sono rivolti all’ufficio della CdP 9 persone, che sono state tutte prese in carico. Le richieste da parte di donne sono state n. 7 e le richieste da parte di uomini sono state n. 2. Le motivazioni dei casi presi in carico hanno riguardato prevalentemente le tematiche inerenti la mancata concessione di part – time per problemi collegati alla maternità o all’accudimento di famigliari a carico. Le due richieste da parte di uomini hanno riguardato la discriminazione per disabilità da parte della stessa azienda. La Consigliera di parità, nei due casi di discriminazione per disabilità, è intervenuta in giudizio, con un intervento ad adiuvandum. Entrambi i casi si sono risolti con la conciliazione in giudizio.
Molti sono i progetti portati a termine con buoni risultati, segno che c’è un substrato di persone che lavorano, a volte silenzioso ma fattivo e collaborante, che ha a cuore la rinascita del biellese che tanto ha sofferto della crisi lavorativa, culturale e identitaria degli anni scorsi. Nel mese di settembre sono stati presentati i primi risultati del progetto Iniziativa Lavoro, finanziato dalla Fondazione CR Torino e dalla Fondazione CR Biella che sul territorio biellese ha favorito il reingresso nel mercato del lavoro di donne over 40, disoccupate da oltre 24 mesi. Otto sono i percorsi lavorativi attivati all’interno di aziende, sei dei quali sono proseguiti con un contratto lavorativo.
“Iniziativa Lavoro è stata una risposta ad un bisogno territoriale intercettato dai componenti del Tavolo che, in una prima fase del progetto, hanno provato a sperimentare nuove modalità per contrastare quella che di fatto è una grande fragilità in un momento in cui l’età pensionabile va sempre aumentando ma un soggetto (soprattutto se di sesso femminile) a 45 anni non risulta più appetibile per il mercato del lavoro” ha spiegato Carlotta Grisorio che, grazie al coordinamento di tale percorso, ha favorito il coinvolgimento di persone, imprese, associazioni di categoria e Centro per l’Impiego di Biella, al fine di aprire nuovi scorci prospettici per l’immediato futuro. “Mi rendo conto che l’inserimento di otto donne può apparire un numero esiguo ma così non è se si pensa che a breve riprenderà il progetto con altre opportunità che si vanno ad aggiungere. Il mare è fatto di piccole gocce, l’importante è non permettere che si asciughino ma immettere sempre nuovo nutrimento e nuovo impegno perché ce n’è un grandissimo bisogno” ha concluso Grisorio.
Proprio martedì 16 ottobre sono state pubblicate le nuove prime sei offerte per questa annualità, che a breve saranno probabilmente integrate da ulteriori due opportunità. Prosegue pertanto il processo di networking tra i partner coinvolti che dopo una prima fase sperimentale ben riuscita, hanno deciso di investire maggiormente e consolidare una modalità operativa che davvero possa unire le reali necessità delle imprese con la agevolazione di nuove opportunità REALI a favore di una categoria professionale fragile.
Sul sito Biellalavoro sono state pubblicate le offerte da parte del Filo da Tessere, capofila del progetto, a cui è possibile candidarsi entro la fine del mese quando per le 6 donne scelte si avvierà un percorso di accompagnamento personalizzato: attività di (ri)costruzione delle competenze di accesso al mercato (orientamento professionale, consulenza, tutoraggio), formazione specifica comprendente anche la sicurezza sul lavoro, ed infine un periodo di tirocinio di sei mesi a tempo pieno o parziale in un’impresa del territorio.

I commenti sono chiusi.